Ciangherotti (Forza Italia): "Liliana Segre diventi cittadina onoraria di Albenga"

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Albenga. «Liliana Segre diventi cittadina onoraria di Albenga. Un gesto non solo simbolico, ma per ribadire che siamo contro ogni forma di odio». Il capogruppo di Forza Italia Eraldo Ciangherotti lo chiede con un ordine giorno ad hoc e rilancia la proposta di invitare la senatrice ad Albenga. «Liliala Segre testimone e vittima della Shoah potrebbe essere la madrina ideale per la consegna alla città di Albenga della Medaglia d’oro al valore civile per commemorare le vittime trucidate tra il 1943 e il 1945, soprattutto da parte dei nazifascisti guidati dal, purtroppo celebre, Luciano Luberti, il «Boia di Albenga». Il riconoscimento alla senatrice sarebbe un evento di grande importanza morale e istituzionale, capace di mettere d’accordo tutto il consiglio comunale di una città antifascista e antirazzista». La proposta di Ciangherotti ha suscitato la reazione di Ivano Mallarini, segretario cittadino del Pd: «Forse per riparare al fatto che il suo partito si era astenuto sulla commissione proposta dalla senatrice durante il voto in parlamento ora Ciangherotti sembra essere diventato il suo fan numero uno. Comunque siamo d’accordo su qualsiasi iniziativa che dimostri solidarietà alla senatrice alla quale è stata concessa la scorta per le minacce ricevute». Anche Loano si muove nella stessa direzione. Per l’Amministrazione, sollecitata dalla minoranza, risponde il sindaco Luigi Pignocca: «La mozione dell’opposizione è condivisibile e sarà discussa in occasione del primo consiglio comunale utile. Di certo tutta la maggioranza voterà a favore. Del resto, la nostra amministrazione e l'intera comunità loanese sono da sempre sensibili su temi che riguardano la lotta alle discriminazioni razziali. La nostra città, infatti, è stata la prima in Italia a dedicare una strada ai Martiri delle Foibe e da sempre sostiene e partecipa ai 'viaggi della memoria' organizzati dall'Aned, Associazione nazionale ex deportati che vedono protagonisti molti studenti loanesi».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci