Ciangherotti (Fi): "Una differenziata fatta bene comincia da una buona spiegazione ai cittadini"

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Albenga. “E’ vero che ogni cambiamento porta con se delle criticità, ed è altrettanto vero che bisogna fare sempre meglio per poter differenziare i rifiuti, per contribuire a salvare il pianeta, per una città più pulita, per un ritorno economico. Quanto sta succedendo ad Albenga con la rivoluzione nel conferimento dei rifiuti, però, sa tanto di improvvisazione, almeno nella parte che riguarda la comunicazione. Come detto, già cambiare abitudine nel conferimento porta con se delle criticità, per cercare di limitare le criticità bisognerebbe spiegare bene, soprattutto agli anziani, come funzionerà questo sistema che prevede chiavi e tessere. Invece, a quanto si legge sui social, ma anche a quanto dettomi direttamente da chi ha partecipato agli incontri, le spiegazioni non sono state sufficienti. Addirittura ieri, in un salone gremito da centinaia di cittadini, i tecnici si sono presentati senza nemmeno un megafono, non dico un amplificatore e un microfono, ma nemmeno un megafono! Chiaro che le spiegazioni dei tecnici (la mancanza di un microfono non è certo colpa loro) non si sentivano, al punto che in tantissimi hanno lasciato la sala senza aver capito nulla. Ecco, sono cose che dimostrano l’improvvisazione di questa amministrazione, della mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini. Mi auguro che le spiegazioni che verranno date agli sportelli nei prossimi giorni vadano in un altro verso, e servano realmente ad aiutare i cittadini a fare una raccolta differenziata migliore”: così Eraldo Ciangherotti, capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale e assessore provinciale.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci