Caso Gsl Albenga, ora la battaglia si sposta al Consiglio di Stato

Pista Kart Indoor Albenga

Bocciato dal Tar, il tribunale amministrativo regionale, il GSL, ovvero Gruppo Sanitario Ligure, non si dà per vinto ed ha deciso di bussare alla porta del Consiglio di Stato. I giudici dovranno entrare nel merito del ricorso presentato contro la Regione Liguria che, nel novembre del 2015, aveva deliberato la cessazione della sperimentazione in corso presso il reparto di ortopedia dell’ospedale Santa Maria di Misericordia di Albenga.

Il rapporto si era interrotto perché il GSL non avrebbe conseguito gli obiettivi prefissati. Di diverso avviso la tesi del Gruppo sanitario ligure che sosteneva invece come «una volta interpretata la clausola contrattuale nel suo pieno tenore letterale», i dati evidenziavano il conseguimento dell’obiettivo ovvero diminuire le «fughe» dei pazienti savonesi verso strutture ortopediche fuori regione. Un primo braccio di ferro che, in quella fase, era stato risolto con l’intervento del Tar. Con una apposita sentenza emessa nell’ottobre 2016 aveva respinto il ricorso presentato dal GSL.

L’obiettivo dei tre anni di sperimentazione (2012-2014) sarebbe stato quello di ridurre le fughe dalla Liguria verso altre Regioni del 65% rispetto a quanto si era verificato nel triennio antecedente (2009–2011). Di qui una serie di ipotesi e di conteggi che anche il Tar aveva definito involuti e di poco chiara formulazione, dando comunque ragione alle tesi della Regione Liguria.

L’intervento dei giudici del Consiglio di Stato dovrà chiudere una questione che da quattro anni interessa la storia dell’ospedale ormai prossimo alla privatizzazione. Il GSL nel nosocomio albenganese garantiva l’attività preoperatoria, chirurgica e degenziale (compreso l’aspetto riabilitativo post intervento) per mezzo di proprio personale. Una operatività che aveva il suo cuore pulsante nel reparto di Ortopedia elettiva dell’ospedale Santa Maria di Misericordia di Albenga, in integrazione funzionale con tutti i servizi dell’Asl 2 Savonese. Un reparto che era dotato di una trentina di posti letto con numeri di interventi eseguiti di tutto rispetto. Dal 28 novembre 2011 al 30 aprile 2016 ne erano stati eseguiti 9.584. Nello stesso periodo, non protesici, ben 5.222.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

Centro Revisione Arnaldi