Camionista ucciso a coltellate a Savona

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Un camionista straniero, pare di nazionalità polacca, è stato trovato morto dissanguato a bordo del suo camion posteggiato nell’autoporto di Savona. Lo racconta La Stampa in edicola.

Secondo le prime indagini della polizia, l’uomo che ha una cinquantina di anni, sarebbe stato ferito mortalmente con una coltellata probabilmente nel corso di una lite o una rissa con altri camionisti, tre dei quali sarebbero già stati individuati dalla polizia e portati in questura per gli interrogatori. Le indagini della squadra mobile sono coordinate dal pubblico ministero Chiara Venturi.

I tre sarebbero in stato di fermo. L’allarme è scattato intorno alle 20 di questa sera quando alla centrale operativa del 118 è arrivata la richiesta di soccorso per un camionista che era nell’abitacolo del suo camion, in preda a una violenta emorragia e non dava segni di vita.

Sono scattati subito i soccorsi che hanno mobilitato un equipaggio della Croce Rossa e i sanitari con l’automedica i quali si sono trovati di fronte a una situazione ormai disperata. L’uomo era in arresto cardiaco. I soccorritori hanno provato a rianimarlo, ma dopo vari e disperati tentativi, non hanno potuto fare altro che arrendersi. L’emorragia non ha dato scampo al camionista. Una emorragia che, secondo le prime ipotesi, sarebbe stata provocata da una coltellata che ha reciso l’arteria tibiale. A quel punto è stata avvertita la polizia e sono scattate le prime indagini da parte della squadra mobile coordinate dal dirigente Rosalba Garello che è stata poi raggiunta dal pubblico ministero Chiara Venturi.

Secondo le prime testimonianze raccolte dagli investigatori, nel piazzale dove si fermano i camionisti ci sarebbe stata una rissa per motivi ancora da chiarire e in quel contesto il cinquantenne polacco è stato ferito con la coltellata che non gli ha dato scampo. Non è ancora chiaro se il fendente gli sia stato inferto mentre saliva sul camion forse per trovare rifugio o se invece nel piazzale e che l’uomo si sia quindi trascinato fino all’abitacolo dove è poi morto dissanguato. Fino a tarda notte i poliziotti hanno setacciato in lungo e in largo l’autoporto forse in cerca del coltello, dell’arma del delitto.

Tre camionisti, pare coinvolti nella rissa, sono stati portati in questura e posti come detto in stato di fermo. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti. Rischiano un’accusa di concorso nell’omicidio.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci