Bonnie e Clyde specializzati in colpi in spiaggia sono stati arrestati ad Alassio

La TUA pubblicità qui. Contattaci

In trasferta da Torino, due venticinquenni, uomo e donna, lui con precedenti sulle spalle, hanno derubato diversi bagnanti che si godevano sole e mare sul litorale della Baia del Sole. Grazie alla rete Whatsapp creata dai bagnini (sistema che ha consentito anche di trovare bambini scomparsi) i due ladri trasfertisti che nel frattempo erano riusciti a divincolarsi da alcune vittime dei furti sono stati intercettati alla stazione ferroviaria. E’ qui che gli agenti della volante del locale commissariato li hanno bloccati mentre erano in attesa del treno per fare ritorno in Piemonte.

Perquisiti sono stati trovati in possesso di tutta la refurtiva che avevano appena rubato in spiaggia e di altri oggetti rubati a Torino. Il bottino costituito da carte di credito, cellulari, occhiali e portafogli, era nascosto nei loro zaini. Si è anche scoperto che l’uomo era appena stato arrestato cinque giorni prima per un analogo episodio. Questa mattina sono stati condannati in tribunale a Savona per rapina impropria: lui a nove mesi e lei a sei mesi. Per tre anni non potranno più fare ritorno ad Alassio, richiesta avanzata dalla polizia. Al termine del processo per direttissima il giudice ha anche imposto l’obbligo di firma per tre volte al giorno presso il commissariato di Torino. Sono ancora in corso indagini per verificare se i due abbiamo commesso altri furti ad Alassio e in altre località della Riviera di Ponente.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci