Condividi l'articolo

Era finito in carcere lo scorso 3 maggio nell’operazione Barbarossa per un traffico di armi e droga che aveva interessato soprattutto l’Astigiano.

Finale Ligure. Concessi gli arresti domiciliari a Gaetano Parrucci, 37 anni, di Finale Ligure. Era finito in carcere lo scorso 3 maggio nell’operazione Barbarossa per un traffico di armi e droga che aveva interessato soprattutto l’Astigiano.

I carabinieri avevano smantellato una “locale” della ‘ndrangheta tra Asti, Costigliole d’Asti e Alba. Il gip Alessia Ceccardi ha accolto l’istanza del suo avvocato Alain Barbera. L’indagato, tra l’altro, ha già definito un accordo di massima con il pm per patteggiare una pena sotto i tre anni di reclusione.

I carabinieri avevano sequestrato 21 fucili di grosso calibro, 16 pistole, revolver e relativo munizionamento, 350 proiettili di vario calibro, 10 kilogrammi di Marijuana, 100 grammi di cocaina e 100 grammi di hashish.

Resta aggiornato con le nostre ultime notizie da Google News

Seguici