Area di crisi complessa, il presidente Olivieri: "Ascoltate le nostre istanze"

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Si è aperta questa mattina, presso la Commissione del Senato, l'audizione informale per approfondire le tematiche dell'Area di crisi industriale complessa del savonese, tra le principali aree di crisi industriali complesse in Italia, con la partecipazione del Presidente della Provincia di Savona Pierangelo Olivieri e i rappresentanti dei Comuni di Vado Ligure e di Cairo Montenotte.

L'audizione di oggi in Senato è sicuramente un ulteriore passo importante per la riconversione e la riqualificazione delle aree del savonese e della Val Bormida gravate, nel corso degli ultimi dieci anni, dalle chiusure di numerosi gruppi industriali e dalle inevitabili perdite di posti di lavoro, ha dichiarato il Presidente della Provincia di Savona Pierangelo Olivieri. Esprimo grande soddisfazione per un incontro dove sono state ascoltate le nostre istanze che coincidono con quelle presentate ieri da Regione Liguria, Sindacati ed Unione Industriali.

Oggi possiamo dire che la nostra Provincia è stata al centro di un confronto che sicuramente avrà ricadute importanti sull'intero comprensorio. Abbiamo sottolineato la strategicità di azioni fondamentali per l'area Savona e della Val Bormida: la certezza dei tempi per quanto riguarda l'erogazione delle risorse e il conseguente finanziamento delle infrastrutture previste e, in considerazione delle 15 domande di finanziamento per progetti di impresa presentate, la possibilità di aumentare il plafond.

Il riconoscimento di Area di crisi complessa ci consente nuovi investimenti, nuove imprese e garanzie occupazionali a vantaggio dell'economia del territorio e dell'intero Paese. L'impegno assunto dalla Provincia di Savona, all'interno del Gruppo di Coordinamento e controllo dell'Area di Crisi Industriale Complessa (ACIC), riguarda prevalentemente, in questa fase, la promozione di progetti infrastrutturali rilevanti come, tra quelli più urgenti, la connessione della nuova piattaforma portuale di Vado ligure alle reti ferroviarie e autostradali e l'adeguamento della strada di scorrimento Vado Ligure-casello autostradale di Savona e nuovo casello di Bossarino dedicato alla piattaforma di Vado ligure.

Altri progetti sono richiamati nella bozza di Progetto strategico per il potenziamento della direttrice trasportistica Piemonte occidentale Torino-Savona e tra questi la Bretella autostradale Albenga-Millesimo- Predosa e il raddoppio della tratta ferroviaria S. Giuseppe di Cairo-Ceva.

Nei prossimi mesi il nostro territorio ospiterà un'audizione a cui parteciperanno tutti i 21 Sindaci interessati dalle progettualità dell'Area di Crisi Industriale Complessa. Un appuntamento importante in vista dell'atteso rilancio del comparto.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci