Andrea Nucera è tornato in Italia, fine della latitanza

  • Redazione
  • 2 min e 0 sec (300 parole)
  • Cronaca
  • albenga
La TUA pubblicità qui. Contattaci

Savona. E' finita alle 7 di questa mattina con l'arrivo a Milano Malpensa la latitanza di Andrea Nucera. Ha trascorso otto anni ad Abu Dhabi negli Emirati Arabi. Nucera era colpito da un mandato di cattura nell’ambito dell’inchiesta sul crac della sua impresa.

Si tratterebbe di un ritorno concordato con il ministero di Giustizia e le autorità italiane: essendo senza passaporto (gli era stato sequestrato) attraverso l’Ambasciata italiana gli è stato rilasciato un Emergency Travel Document per poter viaggiare. Una volta che lo ha ottenuto l’imprenditore ha comunicato la data del suo rientro in Italia. Giorno che in Procura a Savona conoscevano già da qualche settimana.

Per l’ex re del mattone è partito l’iter dell’avviso di conclusione delle indagini e della richiesta di rinvio a giudizio. Il faccendiere, assistito dagli avvocati Franco Coppi Carlo Biondi e Pietro Pomanti , andrà agli arresti domiciliari a Savona e si è detto disponibile a collaborare con la magistratura savonese.

Nucera Andrea, cui faceva capo il “Gruppo Geo”, operante nel settore immobiliare, nel 2011 è stato protagonista di un crack che ha originato un passivo fallimentare di oltre 400 milioni di euro. Per questi fatti è in corso, presso il Tribunale di Savona, un processo che vede imputati, oltre all’arrestato, altri 26 soggetti, tra dirigenti e consulenti del gruppo societario fallito ed amministratori e dirigenti di vari istituti di credito, per reati che spaziano dall’associazione per delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta aggravata, alla bancarotta semplice, ricorso abusivo al credito, dichiarazione fraudolenta mediante uso fatture per operazioni inesistenti, dichiarazione fraudolenta mediante altri artifizi, emissione di fatture per operazioni inesistenti, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte, omesso versamento di IVA, false comunicazioni sociali, falsità nelle relazioni o comunicazioni delle società di revisione, formazione fittizia del capitale, falso e mendacio interno, falsa perizia, favoreggiamento personale ed usura.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci