ALBENGA. Controlli a tappeto dei Carabinieri nelle strutture ricettive. Un arresto

Pregiudicata di origini serbe utilizzava diversi "Alias" per sfuggire alla cattura.Su di lei pendeva una mandato di cattura Europeo

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Nell’ambito di un servizio mirato al controllo delle strutture ricettive presenti nel territorio della Compagnia Carabinieri di Albenga, i militari dell’Arma coordinati dal Maggiore Sergio Pizziconi, passando al setaccio in particolar modo alberghi e camping, hanno rintracciato ad Albenga una cittadina pregiudicata di origini serbe di 37 anni, sulla quale pendeva un Mandato d’Arresto Europeo (M.A.E.) emesso dall’ Autorità Giudiziaria della Svizzera per la commissione di reati contro il patrimonio, danneggiamento e corruzione. L’arrestata è stata subito condotta dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile presso il carcere di Genova Pontedecimo, ove poi verrà estradata secondo le specifiche disposizioni della giustizia europea.

Dopo un meticoloso lavoro investigativo gli uomini della Compagnia di Albenga hanno scoperto che su di lei spiccava un mandato di cattura europeo e che in passato aveva utilizzazo diversi "Alias" cambiando spesso idendità per sfuggire alla cattura. Questo permetterà di passare al setaggio tutti i vari spostamenti della donna ed eventuali complici.

I controlli presso le strutture ricettive della riviera vengono puntualmente intensificate dai militari dell’Arma dei Carabinieri in corrispondenza di un maggior afflusso turistico nella stagione estiva, periodo in cui è necessaria una maggiore e costante analisi delle “schede alloggiati” ovvero di quelle comunicazioni in merito alle persone ospitate che le strutture ricettive hanno obbligo di inoltrare alle competenti Autorità.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci