Alassio ricorda il papà dei cartoni animati "Gibba"

Pista Kart Indoor Albenga

Alassio. Ad un anno dalla sua scomparsa Alassio ricorda Francesco Maurizio Guido che tutti conoscevamo come «Gibba». Morto all’età di 93 anni l’Associazione Vecchia Alassio e il Comune renderanno omaggio ad una figura storica della città del Muretto con una serata in programma domani sera alle 21 all’auditorium Baldassarre della biblioteca Renzo Deaglio. Sarà una serata non solo all’insegna del ricordo ma anche un’occasione per ripercorrere la carriera dell’illustre Gibba, papà del cartone animato. Interverranno Andrea Elena presidente dell’Associazione Vecchia Alassio, Daniele La Corte giornalista e scrittore e amico personale di Gibba, quindi il regista Beppe Rizzo che ha condiviso diversi momenti di vita professionale con Francesco Guido.

Nel corso della serata verrà proiettato un film di Rizzo che riproporrà le opere e la vita di Gibba. Verranno mostrare le fotografie di Renato Bellia; quindi sono previsti anche gli interventi di coloro che negli ultimi tempi hanno lavorato con lui come Stefano Lombardi, operatore e regista di Imperiatv che aveva prodotto l’ultimo suo lavoro, ovvero la sigla della rubrica l’Irriverente di Daniele La Corte. Sarà ricordato anche Gibba scrittore. Pochi anni fa aveva scritto un libro esemplare dal titolo «Sina» contro la ludopatia. Una figura molto nota e amata nel mondo del cinema. Aveva iniziato a lavorare nel campo dell'animazione appena diciottenne negli anni ‘40 alla Macco Film di Roma con Carlo Cossio e Vittorio Cossio. Dopo la chiusura della Macco Film, era passato alla Incom al fianco di Antonio Rubino e Niso Ramponi detto Kremos. Aveva collaborato seppur brevemente, con Federico Fellini per il cortometraggio animato rimasto incompiuto «Hello Jeep». Aveva anche disegnato la sigla di apertura dello sceneggiato a puntate «Linda e il brigadiere» con Nino Manfredi e Claudia Koll. Con Giannetto Beniscelli aveva dato vita al primo spot animato del Dopoguerra e all'unico esempio riconosciuto di mediometraggio neorealista animato: «L'ultimo sciuscià».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

Centro Revisione Arnaldi