Alassio, la polizia municipale mette in fuga i ladri alla Madonna delle Grazie

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Alassio. Quando hanno visto dalle finestre i lampeggianti blu della polizia municipale i ladri se la sono data a gambe levate. Per un soffio i topi d’appartamento non sono finiti nella rete tesa dal comando della polizia locale che aveva deciso di potenziare i controlli lungo le colline di Alassio. Il furto è stato sventato nella zona della Madonna delle Grazie nell’abitazione della dipendente di un esercizio commerciale del Budello. La borgata, insieme alla frazione di Moglio, è stata una delle più battute dai ladri insieme a regione Caudi e a Costa Lupara. La polizia municipale ha deciso quindi di stringere le maglie con controlli ancora più incisivi per rendere più sicura la cittadina. Nel frattempo, in Prefettura, è stata presentata la richiesta di accesso ai fondi ministeriali di cui al Decreto Minniti per l’ampliamento del sistema di videosorveglianza della città di Alassio. Il progetto, curato dall’Ufficio Informatica in collaborazione con il comando di polizia municipale, è stato presentato dall’Assessore all’Informatica Rocco Invernizzi al Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, che lo ha approvato. Il finanziamento richiesto di 57.600 euro permetterebbe la realizzazione di 12 nuovi siti di videosorveglianza per un totale di 20 telecamere, tutte collegate con la polizia municipale, il comando della compagnia dei carabinieri ed il commissariato di Alassio, portando il numero complessivo di telecamere sul territorio a superare le 100 unità. «In considerazione dei recenti eventi criminosi che si sono verificatii in regione Madonna delle Grazie sono state avviate le procedure che porteranno rapidamente alla copertura anche di quella zona con telecamere dedicate», spiega l’assessore Invernizzi.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci