Alassio, una grandinata record mai vista

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Le scene viste oggi ad Alassio a memoria d’uomo non le ricorda nessuno. La grandine che si è abbattuta sulla cittadina costiera è stata a dir poco fuor dal normale, tanto che si sono formati strati di ghiaccio di oltre mezzo metro lungo le strade. Molte le auto rimaste letteralmente incastrate fra i chicchi di grandine e per liberare le vie cittadine è stato necessario far intervenire delle ruspe, volontari della protezione civile e una Radiomabile dei Carabinieri per un automobilista in grave difficoltà Per fortuna non si sono registrati feriti e anche i danni, salvo purtroppo quelli alle coltivazioni, sono limitati.

Di seguito il Comunicato stampa del comune:

Grandine su Alassio

Via Diaz, via Giotto e la zona di Loreto le più colpite. In azione i mezzi pesanti della Protezione Civile per liberare il sottopasso di Via Diaz e l'uscita delle scuole di Via Neghelli

Una violenta grandinata si è abbattuta su Alassio nel pomeriggio di oggi.

Alle 14 l'iniziale pioggia, peraltro annunciata dalle previsioni meteo, si è rapidamente trasformata in grandine.

Quella di Loreto e di Via Diaz, a monte della ferrovia è stata la zona più colpita.

Ma così come improvviso è stato il presentarsi dell'emergenza, altrettanto immediata è stata la reazione di Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Forze dell'Ordine subito entrate in azione nelle situazioni di maggiore difficoltà.

"Abbiamo un sistema che funziona - dichiara Franca Giannotta, Assessore alla Protezione Civile del Comune di Alassio - siamo stati allertati per tempo e questo ci ha messo nelle condizioni di essere subito operativi. In questo momento una ruspa sta sgomberando Via Diaz e Via Giotto. In particolare abbiamo inviato un mezzo pesante a sgomberare l'uscita delle scuole in Via Neghelli, e davanti alla casa di riposo Giacomo Natale. La situazione è comunque sotto controllo"

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci