Alassio entra in Sat, a luglio parte l'era dell'house providing

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Alassio. Ancora quattro mesi di servizio poi, «Alassio Ambiente», l’Ati formata da Ecoseib, Ecosein e Icos, dovrà dire addio alla città del Muretto. Il 14 luglio, infatti, cesserà il rapporto con il Comune per il servizio di igiene urbana all’ombra del Muretto. Rapporto che era iniziato nel 2013 e poi prorogato dalla passata Amministrazione Canepa. Quella attuale invece ha già imboccato la strada della gestione in house così come aveva annunciato mesi fa il sindaco Marco Melgrati.
La giunta ha già definito i passaggi da affidamento ai privati a gestione in house. Il Comune di Alassio entrerà a far parte della Sat, la società di servizi di Vado Ligure. Lo farà con una partecipazione azionaria nella misura percentuale massima del 1%. Tutto questo nella prospettiva di un affidamento, appunto, «in house providing» del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani. A questo proposito si è deciso di investire 50 mila euro come importo massimo per l’acquisizione delle quote societarie. Un’operazione perfezionata grazie alla vendita delle quote della Sca al Comune di Albenga. Con le somme incassate si potranno acquistare le quote della Sat.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci