Alassio: condannata la preside per comportamento antisindacale

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Si apre un nuovo capitolo giudiziario per Sabina Poggio, Dirigente Scolastico dell’Istituto comprensivo statale di Alassio. Dopo essere stata condannata due volte dal Tar, arriva la condanna del Tribunale del Lavoro. Questo ha di fatto accolto il ricorso del segretario provinciale Cisl scuola, Gianni Garino, condannando la donna per comportamento antisindacale.

La dirigente si era rifiutata di consegnare il prospetto riepilogativo sull’utilizzo dei fondi di istituto relativo all’anno scolastico 2016/2017, respingendo la richiesta del sindacato richiamando l’istituto della privacy. Il Tribunale del Lavoro ha riconosciuto legittima la richiesta del sindacato condannando la dirigente scolastica al rifiuto dei dati richiesti, che nulla avevano a che fare con la privacy, trattandosi di denaro pubblico.

Non è la prima volta che il dirigente scolastico ha problemi con l’istituto della privacy. Infatti, anche il Tar, per ben due volte, l’aveva condannata a rendere disponibile la documentazione che la preside aveva rifiutato di consegnare richiamandosi alla privacy. In un primo caso la Poggio aveva rifiutato ad una dipendente l’accesso ad una comunicazione dell’Ordine dei Medici di Savona, in base alla quale Le aveva modificato l’orario di lavoro e le mansioni. Considerato che la vicenda sullo stato di salute della dipendente si era chiusa definitivamente con il parere reso dalla Commissione Medica Interforze di Roma (organo di ultima istanza in materia sanitaria). Aveva dichiarato la dipendente idonea, esclusivamente, al servizio di centralino e di portineria e che, di conseguenza, l’Ordine dei Medici di Savona non aveva alcuna competenza al riguardo.

Nel secondo caso, la Poggio aveva rifiutato, sempre alla stessa dipendente, la copia degli orari di lavoro delle altre dipendenti, la copia della contrattazione integrativa di istituto, nonché la copia delle mansioni e degli orari attribuiti alla stessa collaboratrice nell’anno scolastico 2015/2016.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci