Al via la sedicesima edizione del Festival della Scienza di Genova

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Genova. Al via oggi il 16esimo Festival della Scienza che andrà avanti fino al prossimo 4 novembre. La nuova edizione del Festival si annuncia anche quest’anno in grande stile, con un palinsesto ricco di eventi che promettono di portare una ventata di scienza tra le vie della Superba, confermando la voglia e l’impegno di Genova a reagire con decisione al momento difficile che la città sta attraversando. Ad aprire il Festival saranno il presidente dell’Associazione Marco Pallavicini, il presidente del Consiglio Scientifico Alberto Diaspro e il presidente del Comitato di programmazione Giovanni De Simone.

Interverranno in rappresentanza di Regione Liguria il presidente Giovanni Toti e l’assessore alla Comunicazione, Formazione, Politiche giovanili e Culturali Ilaria Cavo, per il Comune di Genova l’assessore alle Politiche Culturali Barbara Grosso, Luigi Attanasio, presidente della Camera di Commercio di Genova, Ernesto Pellecchia, direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, l’ambasciatore di Israele in Italia, Ofer Sachs, Fabrizio Nicoletti Min. Plen. direttore centrale per l’innovazione e la ricerca MAECI, Massimo Gaudina, capo della Rappresentanza a Milano della Commissione Europea e Roberto Timossi, componente del Comitato di Gestione della Compagnia di San Paolo, principale sostenitore della manifestazione. Il calendario prevede 266 appuntamenti, scanditi in 128 incontri, 82 laboratori, 28 mostre, 13 spettacoli e 15 eventi speciali che si terranno in varie location di spicco, distribuite nel centro della città. Il tema dell’edizione 2018 è Cambiamenti: la scienza ci insegna che il cambiamento è inevitabile e inarrestabile, ma che può e deve essere determinato dalle nostre scelte. Il binomio scienza-tecnologia s’impone sempre più come veicolo essenziale di cambiamento e innovazione. Al Festival si parlerà di big science ma anche di come la scienza favorisce i rapporti tra le diverse culture. Tra gli argomenti centrali, le nuove frontiere della medicina, il climate change e la sostenibilità globale. Uno spazio speciale sarà dedicato alla tecnologia intesa come driver fondamentale per il cambiamento e il miglioramento della qualità di vita delle persone con disabilità.

Si rinnova la tradizione del Paese ospite. Quest’anno, ad accettare l’invito è Israele, con il quale l’Italia ha una proficua collaborazione nel campo della ricerca scientifica e dello sviluppo tecnologico e che, per motivi storici e geografici, ha fatto del cambiamento la sua ragione di esistere, emergendo nel panorama della scienza e dell’innovazione tecnologica mondiale. A Israele sarà dedicato un importante allestimento nell’esclusiva sede di Palazzo della Borsa, con mostre fotografiche, laboratori e incontri. Previsto, inoltre, un ricchissimo palinsesto di conferenze che vedranno protagonisti scienziati provenienti dai principali istituti di ricerca di Israele. I visitatori saranno accompagnati da 451 animatori, selezionati fra studenti universitari e giovani ricercatori provenienti da tutta l’Italia, ai quali si affiancheranno 70 studenti delle scuole secondarie liguri coinvolti nelle attività di alternanza scuola-lavoro, nell’ambito del progetto Orientamenti 2018 della Regione Liguria, cofinanziato dall’Unione Europea. Il programma del Festival è già disponibile sul sito www.festivalscienza.it, facilmente consultabile anche da dispositivo mobile. Attivo anche il call center del Festival al numero 010 8934340, per informazioni e prenotazioni da parte degli istituti scolastici. L’acquisto dei biglietti elettronici (senza necessità di ritiro in biglietteria) è disponibile sul sito del Festival e presso l’Infopoint allestito nel cortile interno di Palazzo Ducale. Il costo del biglietto rimane invariato rispetto agli anni precedenti, con agevolazioni per gruppi, under 18 e appuntamenti serali. Agevolazioni e progetti speciali sono stati realizzati per le persone coinvolte nell’evento del 14 agosto e per gli istituti scolastici più prossimi alla zona del Ponte Morandi.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci