Al Sacco di Savona lo spettacolo "Confesso che ho bevuto"

  • Redazione
  • 2 min e 19 sec (348 parole)
  • Eventi
  • savona
La TUA pubblicità qui. Contattaci

Savona. “Confesso che ho bevuto” è una travolgente carrellata di canzoni e monologhi dedicati al vino. La regia dello spettacolo che sarà messo in scena sabato 13 aprile alle 21 al teatro Sacco di Savona è di Lidia Giannuzzi, protagonista è uno scatenato quartetto formato da Roberta De Donatis, Bruno Demartini, Paolo Mereu e Martina Pittaluga. Si va dall’ironico (e malinconico) Fred Buscaglione di Ho il whisky facile al romantico Timido ubriaco di Max Gazzè, dal classico Barbera e champagne di Giorgio Gaber al fascino retrò di Maramao perché sei morto del Trio Lescano.

Senza dimenticare la storia di Fantoni Cesira di Francesco Guccini e l’Armando di Enzo Jannacci con la sua passione per le osterie, passando per citazioni poetiche (Orazio: Non può piacere o vivere a lungo nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua) e i testi enologici di Pino Petruzzelli. Gli spettatori sono invitati a partecipare attivamente: intonando ritornelli o raccontando a loro volta di aver… bevuto (per dimenticare, per amore, per allegria…). I testi sono a cura di Lidia Giannuzzi, le musiche di Paolo Mereu e Martina Pittaluga.

Questo è uno spettacolo da osteria: dove si mescolano parole, musica e vino; dove ogni interprete confessa attraverso racconti originali, estratti, false citazioni e canzoni perché ha bevuto; dove il pubblico è chiamato a canticchiare i ritornelli, applaudire gli stornelli, ascoltare gli attori e a non fare strani rumori; dove ognuno può sentirsi libero di partecipare e di confessare se e perché ha bevuto.

Un percorso attraverso testi e musica che citano il vino o che ci raccontano il mondo delle osterie e dei bar, luoghi della nostra tradizione e memoria. Lo spettacolo è suddiviso in 3 scene alle quali possono essere abbinati altrettanti vini da sorseggiare.

Quando si è ancora sobri – I scena
Quando inizia ad impastarsi la voce – II scena
Quando non si sa più il proprio nome – III scena

Per rispettare la normativa vigente sulla sicurezza, il Teatro ha una disponibilità di posti a sedere limitata, pertanto è molto gradita la prenotazione.

Info e prenotazioni al numero 331.77.39.633 – 328.65.75.729 email: info@teatrosacco.com

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci