Ad Albisola nuovo percorso sensoriale “A piedi nudi nel Parco”

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Albisola Superiore. Grandi novità al Parco dell’Accoglienza! Giovedì 30 luglio, alle ore 18.30, sarà inaugurato il nuovo percorso sensoriale “A piedi nudi nel Parco”: un sentiero da percorrere senza scarpe, per scoprire tutte le sensazioni che si provano a camminare a piedi scalzi su diverse superfici, tutte naturali, dal prato all’inglese al terriccio, dalla corteccia ai tronchi di acacia in sezione circolare, e poi sabbia, ciottoli, piante aromatiche… Il percorso, ideato e realizzato pensando ad un’esperienza di contatto diretto con la natura, può coinvolgere tutti i sensi e le nostre capacità percettive, creando stupore e coinvolgimento, non soltanto nei bambini. All’interno del Parco dell’Accoglienza, che è già un’oasi di pace a due passi dal centro, un percorso in cui riscoprire tutti e cinque i sensi, l’amore e il rispetto per la natura, il gioco sperimentale ed il divertimento. Che effetto farà camminare sulla corteccia di legno ammirando il cielo blu, oppure sedersi sui ciottoli bianchi al canto degli uccellini, o ancora mettere mani e piedi fra rosmarino e timo e sentirne tutto il profumo? Il riprogramma dell’evento è ricco e dedicato ad adulti e bambini! Sarà presente, infatti, il Centro di Educazione Ambientale Riviera del Beigua, con il suo laboratorio Nel Parco con il CEA, un’attività di animazione per bambini che unisce creatività e gioco in un viaggio alla scoperta della bellezza della natura. A tutti i bimbi verrà richiesto di portare un telo da stendere sull’erba e un vasetto di recupero (per esempio un barattolo della marmellata, un fondo di una bottiglia di plastica da 1,5 litri…) per costruire, dopo aver provato il percorso sensoriale, un originalissimo e personalissimo “vaso delle sensazioni”. I bambini dovranno essere affiancati da un adulto durante l’attività. Nel rispetto delle norme sul distanziamento interpersonale, verranno effettuati due laboratori con un numero massimo di 15 bambini ciascuno: orario di inizio 18.30 e 19.15. I partecipanti dovranno presentarsi muniti di propria mascherina e penna. Ad ogni partecipante sarà fornito un kit personale con i materiali necessari per lo svolgimento dell’attività. Per partecipare al laboratorio occorre prenotare: CEA Riviera del Beigua, 366/6221213 info@cearivierabeigua.it Dopo cena, che chi vorrà potrà consumare sul prato, alle ore 21.30 circa si terrà lo spettacolo “La Liguria dei Poeti fra cielo e mare”, un viaggio teatrale nella poesia di poeti liguri del ‘900 (Montale, Caproni, Sbarbaro), intervallato dalle canzoni, eseguite dal vivo, dei più importanti cantautori della scuola genovese (Fossati, Tenco, Lauzi, Paoli, Manfredi, De André, Otto), che rapiscono l’ascoltatore in un flusso armonico di poesia e canzoni. Uno spettacolo che evidenzia il carattere apparentemente aspro della gente di Liguria, ma dal cuore grande, in questa terra di infinita bellezza, chiusa tra mari e monti, luogo di profonda ispirazione per molti artisti. Il percorso poetico, per la regia di e di Lazzaro Calcagno, è evocato dagli attori Antonio Carlucci, Sara Damonte, Antonella Margapoti e Manuela Salviati, che faranno vivere le atmosfere narrate nei testi delle poesie, e dai musicisti Matteo Troilo (chitarra e voce), Federica Calcagno (Violino) ed Enrico Bovone (percussioni), che interpreteranno parole e musica accompagnandosi dal vivo con i loro strumenti. Spettacolo di Lazzaro Calcagno, a cura di Il Sipario Strappato con Antico Teatro Sacco. Si potrà vedere lo spettacolo seduti sul prato e nel rispetto delle norme sul distanziamento interpersonale.

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci