Ad Albenga è guerra tra Comune e WWF per i pini di via Gramsci

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Ad Albenga è in atto una guerra tra WWF e Comune sull’abbattimento di una decina di pini che abbellivano via Gramsci. I primi chiedono all'Amministrazione comunale di provvedere prontamente alla loro sostituzione, piantando giovani alberi di pari grandezza per non impoverire il patrimonio arboreo comunale.

Il Comune risponde che è stato deciso, in accordo con i residenti, di piantumare gli aranci: «Sono sempreverdi e non dovrebbero arrecare problemi».

Il WWF, per voce di Stefano Gatti, delegato alla tutela del patrimonio arboreo, non accetta giustificazioni e sostiene che «gli abbattimenti di alberi rappresentano sempre un evento che genera un "impoverimento ambientale", per la perdita di ossigeno, ombra, refrigerio, bellezza e biodiversità, causata proprio dalla distruzione degli alberi».

«Un depauperamento che – dice Gatti - tende a diventare "permanente", nei casi in cui non viene ripiantato nulla, o se non vengono ripiantati giovani alberi della stessa specie di quelli abbattuti o comunque di specie simili». Gli alberi di via Gramsci, invece, sono stati eliminati e sostituiti con aranci. Per il Comune non erano sicuri: la presenza delle radici superficiali potevano creare pericoli per pedoni e automobilisti. La conferma arriva dal vice sindaco Riccardo Tomatis: «Era in atto una situazione che stava arrecando diverse problematiche al manto stradale. Inoltre, data la presenza del rio, non è stato possibile realizzare un intervento simile a quello di via Einaudi: le radici erano tutte da un lato e gli alberi sarebbero stati sbilanciati. Per lo stesso motivo non sono stati piantati alberi di grandi dimensioni, ma abbiamo gli aranci, alberi giovani in modo da favorirne l'attecchimento».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci