A Pietra Ligure una panchina per ricordare Janira D'Amato

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Pietra Ligure. «L’amore non si tocca». Una scritta bianca su una panchina rossa con la firma Janira. Lei è Janira D’Amato, la ragazza uccisa a coltellatedue anni fa dall’ex Alessio Alamia condannato all’ergastolo. La panchina antiviolenza è stata inaugurata questa mattina in sua memoria in piazza La Pietra insieme alla famiglia e alle autorità. «Una tragedia che nessuno ha mai dimenticato», ha ricordato il sindaco Dario Valeriani.

La panchina è stata donata dai ristoratori cittadini e dall’Istituto Alberghiero di Finale Ligure in occasione del secondo anniversario della sua scomparsa. A dipingere la panchina è stata Irene Ambrosini, insegnante dell’Alberghiero di Finale Ligure. Domattina altra cerimonia. Alle 9 verrà celebrata una messa nella chiesa di Santa Libera a Magnone (Vezzi Portio) e alle 18 nella chiesa di San Biagio a Finalborgo. Nella stessa Finale alla ragazza è stata dedicata una panchina in piazza Vittorio Veneto.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci