Condividi l'articolo

Nonostante i divieti, in Liguria sono dovuti intervenire in 16 differenti situazioni.

Nonostante il divieto di sparare botti e fuochi, sono stati 229 stanotte gli interventi riconducibili ai festeggiamenti di Capodanno, in netta diminuzione rispetto allo scorso anno, quando furono 686, variazione legata alle misure restrittive adottate per fronteggiare la pandemia Covid-19. Il numero maggiore anche quest’anno nel Lazio 45 (lo scorso anno furono 171) seguito dalla Campania 40, dalla Puglia 24, dal Veneto 19, dalla Lombardia 18, dalla Sicilia 17 e dalla Liguria 16.  

A Genova i Vigili del Fuoco sono intervenuti per piccoli incendi innescati in tutta la città da centinaia e centinaia di petardi sparati da terrazzi, giardini e in strada. I pompieri hanno spento fiamme da decine di cassonetti incendiati con petardi.

L’intervento più importante in via Perlasca dove hanno preso fuoco alcuni pneumatici lasciati fuori da un magazzino. A scatenare le fiamme potrebbero essere stati i fuochi ma sono in corso le indagini per ricostruire esattamente la dinamica.

Resta aggiornato con le nostre ultime notizie da Google News

Seguici