Terremoto in Messico di Magnitudo 8.1 mentre l’uragano Irma punta su Portorico

Si teme un bilancio pesante di vittime.

La TUA pubblicità qui. Contattaci

La violenza della natura, che a volte ci fa capire anche i danni che gli ha provocato l’uomo, domina in queste ore su tutti i media. E mentre gli occhi di tutti erano concentrati sull’uragano Irma, con la sua furia devastatrice (ancora impossibile fare una conta delle vittime) ecco che questa mattina sono arrivate le prime drammatiche immagini dal Messico con un terremoto di magnitudo 8.1 che ha avuto il suo epicentro 165 km ad ovest dello stato del Chiapas. Un terremoto così potente che è stato sentito sino a Mexico City a più di 1000 Km di distanza, generando un parziale black-out e facendo scappare la popolazione in strada per la paura.

Si parla di cinque vittime accertate (3 nello stato del Chiapas e, come confermato dal Governatore Arturto Nunez, 2 bambini nello stato di Tabasco), ma si sa che saranno purtroppo molte, molte di più. E tra l’altro c’è ansia per un’allerta tsunami con onde stimate in almeno tre metri d'altezza, che potrebbe colpire le coste dell’America Centrale. Va ricordato, ed i lettori meno giovani se lo ricorderanno, che il Messico è purtroppo spesso vittima di terremoti: uno devastante avvenne nel 1985, mentre il Paese stava organizzandosi per ospitare i Mondiali di calcio. Allora furono migliaia le vittime.

Tornando ad Irma, che rimane classificato come uragano di forza 5, le ultime notizie lo vedono puntare sulla Florida, dove arriverà domani mattina e dove saranno coinvolti oltre trenta milioni di persone. E questo mentre si fanno le prime stime dei danni, scrutando all’orizzonte la furia devastatrice di altri due uragani.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci