Potente terremoto colpisce la Nuova Caledonia

Le coste della Nuova Caledonia colpite da un sisma di magnitudo 7.3 hanno attivato l’allarme tsunami.

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Un potente terremoto di magnitudo 7.3 ha colpito la costa est della Nuova Caledonia, un'isola circa 1500 km a nord-est di Brisbane, facendo scattare l’allarme tsunami. La terra ha tremato alle ore 9:43 del mattino, ora dell’Australia est, ad una profondità di 10km, 82km ad est delle Isole Loyalty. Al momento non ci sono notizie di danni o feriti.

L’allarme tsunami è stato comunque lanciato da parte del Pacific Tsunami Warning Centre (PTWC): «C’è la possibilità che pericolose onde di tsunami generate da questo terremoto si possano formare nel raggio di 300 km dall’epicentro, lungo le coste di Vanuatu e della Nuova Caledonia». Il PTWC ha osservato onde di tsunami nell’immediatezza del terremoto. L’agenzia ha detto che onde alte un metro oltre al livello di alta marea stanno per abbattersi in Nuova Caledonia, mentre onde più piccole sono attese in Vanuatu.

La dimensione delle onde varierà in base alla linea di costa, riducendosi in altezza a causa delle barriere coralline.

«Siamo un po’ spaventati, abbiamo già avuto una scossa di terremoto l’altra notte e oggi è stata piuttosto forte» ha detto Wayan Rigault, manager delle comunicazioni dell’Hotel Nengone Village sull’isola di Mare, la più vicina al zona dell’epicentro. Rigault ha anche fatto sapere che non ci sono stati danni immediati, ma sono in allerta per un eventuale allarme di evacuazione.

L’Agenzia per la Sicurezza Civile della Nuova Caledonia ha fatto sapere che stanno ancora analizzando i dati, e al momento non è ancora stata pianificata un evacuazione.

Le autorità in Australia, Nuova Zelanda, e Hawaii hanno detto che non ci sono avvisaglie di tsunami lungo le loro coste.

Il terremoto è stato seguito da una serie di scosse più piccole sempre nella stessa regione.

In tutto si sono registrate tre forti scosse: una di magnitudine 6.4 domenica alle 20:25, seguita da un’altra forte scossa di 6.6 alle 2:09, ed infine una terza potente scossa di magnitudo 5.9 alle 3:08.

L’Osservatorio Geologico Statunitense ha stimato che circa 400000 persone sulle isole limitrofe potrebbero aver avvertito le scosse. Ha inoltre fatto sapere che potrebbero essersi verificati possibili danni o ferimenti nella regione, a causa delle strutture molto vulnerabili agli eventi sismici.

La stessa regione è stata colpita il mese scorso da un terremoto di magnitudo 6.8.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci