Oggi è la Giornata Mondiale degli Uccelli Migratori

Il tema di quest'anno è la connettività ecologica.

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Oggi, sabato 10 ottobre, è la Giornata Mondiale degli Uccelli Migratori organizzata dalla Convenzione di Bonn sulle specie migratrici. Il tema di quest'anno è la connettività ecologica.

Il tema sottolinea l'importanza di conservare e ripristinare la connettività ecologica e l'integrità degli ecosistemi che supportano i movimenti naturali degli uccelli migratori e che sono essenziali per la loro sopravvivenza e benessere.

La campagna guidata dalle Nazioni Unite, che mira a sensibilizzare riguardo gli uccelli migratori e l'importanza della cooperazione internazionale per conservarli, è organizzata da un partenariato di collaborazione tra due trattati delle Nazioni Unite: la Convenzione sulle specie migratorie (CMS) e l'Accordo sulla conservazione degli uccelli acquatici migratori dell'Africa-Eurasia (AEWA) - e l'organizzazione senza scopo di lucro con sede in Colorado, Environment for the Americas (EFTA).

Durante i loro viaggi in tutto il pianeta, gli uccelli affrontano numerose minacce come la perdita di habitat e la caccia illegale, nonché altre minacce come avvelenamento, collisione con linee elettriche, turbine eoliche ed edifici coperti di vetro, e cambiamenti climatici. Gli uccelli migratori dipendono anche fortemente da una rete di siti lungo le loro rotte migratorie per la riproduzione, l'alimentazione, il riposo e lo svernamento.

«Gli uccelli migratori ci connettono alla natura e ci connettono gli uni agli altri. La loro sopravvivenza dipende da ciascuno di noi - da ogni paese e da ogni persona lungo il percorso migratorio - che intraprende azioni per conservare e ripristinare gli habitat e gli ecosistemi di cui hanno bisogno per sopravvivere», ha affermato Amy Fraenkel, Segretario esecutivo di CMS. «La conservazione degli uccelli migratori richiede cooperazione e coordinamento lungo l'intero percorso tra i paesi e attraverso i confini nazionali. Solo lavorando insieme possiamo assicurarci che sopravviveranno e prospereranno».

Circa una su cinque delle 11.000 specie di uccelli del mondo migrano, alcune coprendo enormi distanze, con la pittima reale, ad esempio, che vola per 11.680 chilometri tra l'Alaska e la Nuova Zelanda. Gli uccelli migratori richiedono una catena di siti e habitat appropriati, come zone umide, zone costiere, foreste e praterie per sostenerli durante il loro ciclo di vita.

«Nonostante le sfide che l'umanità deve affrontare attualmente, i cicli e i ritmi della natura, compresi quelli degli uccelli migratori, continuano il loro corso normale», ha affermato Jacques Trouvilliez, Segretario esecutivo di AEWA. «Ma la crisi che stiamo affrontando dovrebbe agire come un campanello d'allarme poiché le radici della pandemia possono essere trovate nel deterioramento della biodiversità. Celebriamo la Giornata mondiale degli uccelli migratori solo pochi giorni dopo che i leader mondiali al Vertice delle Nazioni Unite sulla biodiversità hanno impegnato i loro paesi a una maggiore azione per la natura. Gli uccelli non solo collegano i siti oltre i confini nazionali, ma collegano anche noi. Prendiamo in considerazione questa dimensione essenziale della connettività per costruire un mondo più sano, più rispettoso dell'ambiente e più vivibile per tutti noi». ha detto Trouvilliez.

Una maggiore azione globale attraverso trattati ambientali multilaterali come la Convenzione sulle specie migratorie (CMS) e l'accordo africano-eurasiatico sugli uccelli acquatici (AEWA) è essenziale per proteggere gli uccelli migratori nei loro viaggi internazionali.

«La Giornata mondiale degli uccelli migratori è un invito all'azione e un promemoria che siamo collegati dai viaggi degli uccelli. Sebbene possiamo essere separati da miglia e dalla geografia, gli uccelli ci collegano a livello locale e globale», ha affermato Susan Bonfield, Direttore esecutivo dell'EFTA. «Le nostre voci all'unisono per la conservazione degli uccelli ci uniscono per garantire che il nostro pianeta sia sano per questi viaggiatori a lunga distanza e per noi».

Sono previsti eventi virtuali e un'ondata di interazioni online nei paesi di tutto il mondo per celebrare la Giornata mondiale degli uccelli migratori, con programmi educativi offerti online da molte organizzazioni tra cui scuole, parchi, zoo, foreste, rifugi della fauna selvatica, centri delle zone umide, musei e biblioteche.

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci