New York tira un sospiro di sollievo poteva essere una strage

L'attentatore è un bengalese di 27 anni.

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Poteva essere una strage, ma per fortuna il tentato attentato terroristico a New York si è concluso con un bilancio che non parla di morti o feriti gravi. Certo, dopo quanto accaduto questa mattina ed in prossimità delle feste natalizie, non fa abbassare la guardia su un pericolo che è sempre dietro all’angolo. Meno male che il piano del bengalese Akayed Ullah, residente nella metropoli americana da oltre otto anni, non è andato in porto e che l’ordigno rudimentale è esploso senza fare grandi danni. Se il piano terroristico fosse andato in porto adesso si parlerebbe di un bilancio davvero pesante.

In ogni caso l’episodio di oggi alza nuovamente il livello d’attenzione sul terrorismo internazionale con preoccupazione crescente per le festività.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci