Mediagold.it

Notizie, turismo, attualità e curiosità della Liguria e non solo

Muore a 85 anni David Prowse, l’uomo che fu la maschera di Darth Vader nella prima trilogia

Tempo di lettura: 5 minuti

L’attore inglese lavorò ai primi tre film di “Star Wars”, ma è stata la voce di James Earl Jones, non la sua, a essere ascoltata. Avrebbe potuto invece interpretare Chewbacca.

David Prowse, il campione di sollevamento pesi e bodybuilder inglese che ha dato il suo corpo – ma non l’iconica voce e respiro profondo – per interpretare Darth Vader nella trilogia originale di Star Wars, è morto sabato mattina presto a seguito di una malattia. Aveva 85 anni.

La morte di Prowse è stata confermata dal suo agente Thomas Bowington sabato sera. Bowington Management ha anche condiviso la notizia su Twitter, annunciando la sua scomparsa con «grande rammarico e tristezza straziante per noi e milioni di fan in tutto il mondo».

Prowse ha interpretato il mostro di Frankenstein in tre film: lo spoof di James Bond Casino Royale (1967) e, per Hammer Films, The Horror of Frankenstein (1970) e Frankenstein and the Monster From Hell (1974), l’ultimo insieme a un futuro co-protagonista di Star Wars, Peter Cushing.

In A Clockwork Orange (1971) di Stanley Kubrick, Prowse è apparso nei panni del muscoloso servitore che lavora per l’autore Frank Alexander (Patrick Magee), e in seguito ha aiutato un magro Christopher Reeve a diventare famoso per il ruolo dell’Uomo d’Acciaio nei film di Superman.

Prowse era noto nel Regno Unito per aver interpretato il Green Cross Code Man – un personaggio simile a un supereroe utilizzato nelle pubblicità dei servizi pubblici per aiutare i bambini ad attraversare la strada in sicurezza – dal 1967 al 1990. Per questo, è stato nominato membro dell’Ordine dell’Impero Britannico nel 2000. «È una delle cose più grandi che abbia mai fatto», disse una volta.

Nato il 1° luglio 1935 a Bristol, in Inghilterra, in giovane età a Prowse fu diagnosticata erroneamente la tubercolosi del ginocchio e per quattro anni fu costretto ad indossare una stecca per le gambe (si è scoperto che in realtà aveva l’osteoartrite). Eppure ha continuato a competere per il titolo di Mr. Universo nel 1960 prima di conquistare il campionato britannico di sollevamento pesi per tre anni consecutivi, dal 1962 al 1964 (all’età di 50 anni, era ancora in grado di sollevare 300 chilogrammi).

Le prime incursioni di Prowse nella recitazione includesero concerti in The Beverly Hillbillies, The Saint e Doctor Who, e ha continuato ad interpretare “The Mighty Tonka” in uno spot di giocattoli diretto da Ridley Scott.

George Lucas lo vide in Arancia meccanica e gli offrì una parte nel primo Star Wars (1977). «Lucas mi disse, “Hai la possibilità di scegliere tra due personaggi nel film” – ha ricordato Prowse in un’intervista del 2016 –. Mi disse, “C’è un personaggio chiamato Chewbacca, che è come un enorme orsacchiotto, o in alternativa, c’è il cattivo principale del pezzo.” Beh, non c’è scelta, vero? Grazie mille, avrò il pezzo del cattivo».

Prowse non si rendeva conto che la sua testa e la sua faccia sarebbero state coperte da quell’ormai iconico elmo e maschera ispirati ai Samurai o che il suo vestito, fatto di fibra di vetro e pelle, avrebbe pesato 20 chili e sarebbe stato estremamente, fastidiosamente caldo.

«Una volta che [la maschera] è stata montata, sono diventato praticamente cieco, e il calore generato dalla tuta ha obbedito alle leggi della fisica e ha viaggiato verso l’alto, dritto nella maschera», scrisse nel suo libro di memorie del 2005, Straight From the Force’s Mouth. «Questo ha immediatamente appannato gli oculari, il che era a dir poco scomodo, ma non era un problema insormontabile fintanto che potevo guardare in basso attraverso il ritaglio triangolare sotto la modanatura del naso della maschera e usarlo come uno spioncino

Prowse ha pronunciato le sue battute nel suo accento del West Country durante le riprese a Londra mentre Carrie Fisher lo ha scherzosamente soprannominato “Darth Farmer” a causa del suo tono rurale. Disse di essersi reso conto che la sua voce era difficile da distinguere attraverso la spessa maschera, ma gli venne detto che il suo dialogo sarebbe stato aggiunto successivamente.

Mesi dopo però, negli Stati Uniti, Lucas sostituì la sua voce con quella profonda di James Earl Jones durante la postproduzione. «Penso che [Jones] abbia fatto un ottimo lavoro, ma penso ancora che avrei fatto altrettanto bene se avessi avuto la giusta opportunità», disse Prowse.

Anche il respiro minaccioso e profondo di Vader non venne eseguito da Prowse – questo è stato un effetto creato dal designer del suono Ben Burtt, che ha registrato se stesso attraverso un respiratore da sub.

Jones, che secondo quanto riferito ha ottenuto $ 7.000 per il suo lavoro sul primo film, è poi tornato, così come Prowse, ancora una volta nascosto, per The Empire Strikes Back (1980) e Return of the Jedi (1983).

Prowse ha detto che immaginava che sarebbe stato visto – finalmente! – in Return of the Jedi quando la maschera di Vader viene rimossa, ma gli spettatori hanno visto invece il volto sfregiato dell’attore britannico Sebastian Shaw. E Prowse è stato nuovamente sostituito dall’allenatore di stuntman/scherma Bob Anderson in scene con duelli con la spada laser negli episodi V e VI .

Con un cenno a un attore apparso negli episodi II e III, la leggenda di Star Wars Mark Hamill ha chiarito abbastanza bene questa faccenda di Darth Vader in un tweet del giugno 2018:

A dire il vero, Prowse era orgoglioso di ciò che ha portato alla trilogia. «La recitazione corporea e il bodybuilding sono più strettamente correlati di quanto la maggior parte delle persone immaginerebbe, e tutte quelle pose che avevo fatto per impressionare i giudici nei miei primi anni si sono rivelate utili», ha scritto nel suo libro. «Dall’interno della tuta di pelle nera, ho trattato ogni gesto di Vader come una posa da bodybuilding, raffinando qui ed esagerando lì, finché il mio personaggio “ha parlato” con ogni inclinazione della testa o movimento delle sue braccia

Prowse, che nei suoi ultimi anni ha fatto pubblicità per il cantante gallese Jayce Lewis, è stato sposato dal 1963 con Norma Scammell e ha avuto tre figli.

L’attore ha detto che Lucas lo ha accusato ingiustamente di aver divulgato notizie della morte di Vader ai media e alla fine gli ha vietato di partecipare alle convention ufficiali di Star Wars (un giornalista che ha svelato la storia avrebbe rivelato anni dopo che Prowse non era la sua fonte). Tuttavia, è rimasto molto richiesto, ma nell’ottobre 2017 ha annunciato che si sarebbe ritirato e non avrebbe più fatto apparizioni pubbliche.

Ovviamente «nessuno dimenticherà mai Darth Vader», ha detto nel 2012, «ed è un grande onore per me aver interpretato il cattivo più grande di tutti i tempi».

image_pdfConserva l\'articoloimage_printStampa l\'articolo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: