Migliaia di coppie di differente nazionalità resteranno separate per Natale a causa del divieto di ingresso nell'UE

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Migliaia di coppie e famiglie composte da membri di differenti nazionalità, temono di rimanere separate per le celebrazioni di fine anno del 2020 e con il Natale alle porte, è molto probabile che nessuna esenzione renderà possibile il loro ricongiungimento.

Il divieto di viaggio nell'UE, imposto dalla metà di marzo di quest'anno a causa della pandemia di Coronavirus in Europa, ha obbligato molte coppie a rimanere separate da almeno sette mesi, e sebbene alcuni Stati membri abbiano già iniziato ad applicare esenzioni dal divieto per coloro che hanno una relazione con un cittadino/residente dell'UE, la maggior parte degli Stati membri non ha fatto molto per aiutare le coppie a riunirsi. Finora, solo i seguenti paesi applicano tali esenzioni:

  • Austria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Finlandia
  • Francia
  • Germania
  • Italia
  • Norvegia
  • Paesi Bassi
  • Spagna
  • Svizzera

Nonostante le esenzioni di questi paesi, molte coppie rimangono insoddisfatte sostenendo che i requisiti per dimostrare una relazione sono irrealistici e «troppi».

Persino il politico tedesco Moritz Körner, che è stato indubbiamente uno dei più attivi a sostenere la causa sin dall'inizio, concorda sul fatto che i requisiti sono «o inutilmente burocratici o semplicemente discriminatori».

«Senza la pandemia in corso, questi requisiti sarebbero inesistenti. Invece di inventare oneri aggiuntivi, i governi nazionali dovrebbero facilitare l'ingresso dei partner da differenti nazioni e concentrarsi su test coerenti e strategie di quarantena», ha detto l'eurodeputato in un'intervista.

Körner, che è membro del Parlamento europeo dal 2019, ha finora sostenuto la campagna #LoveIsNotTourism, in base alla quale gli innamorati hanno invitato i governi dell'UE a riaprire i confini e farli riunire, in diversi modi, anche inviando lettere separate e congiunte al governo, il Consiglio europeo e il sostegno alla campagna online.

Un'accorata richiesta per la rimozione del divieto di ingresso all'avvicinarsi delle feste di fine anno

Con le festività natalizie alle porte, si sono intensificate le richieste di abolizione del divieto di ingresso, non solo nell'UE ma anche all'estero. Coppie, famiglie, sostenitori della causa.

A sostegno delle coppie da differenti nazioni e delle famiglie che rischiano di restare separate anche per Natale è tornata ancora una volta l'International Air Transport Association, che in un recente tweet ha chiesto l'implementazione dei test pre-partenza come modo per riaprire i confini e ripristinare i viaggi.

«Coppie e famiglie sono state separate in tutto il mondo, molte da più di sei mesi! Possiamo volare per riunirci in sicurezza. Abbiamo bisogno che i governi implementino i test prima della partenza!» ha twittato IATA.

Il 22 ottobre, durante il secondo round di #AskThePresident su Twitter, alla domanda in merito di un cittadino UE, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che l'UE è impegnata affinché le persone possano ricongiungersi con i propri cari.

«Più che mai, abbiamo bisogno dei nostri cari al nostro fianco. Per ora, alcune restrizioni sui viaggi nell'UE devono rimanere in vigore a causa della pandemia. Ma oggi abbiamo presentato una guida che incoraggia i paesi dell'UE a facilitare il ricongiungimento di famiglie e coppie», ha detto la Presidente, anche utilizzando l'hashtag #LoveIsNotTourism accanto alla sua risposta.

Quasi un mese dopo, nulla è cambiato nonostante la guida. Il suo tweet è stato condiviso e risposto centinaia di volte, molte delle quali erano critiche all'UE e agli Stati membri sul modo in cui trattavano le coppie non sposate.

https://twitter.com/polipoly5/status/1322101281842995202

Un altro utente ha sottolineato alla von der Leyen che la maggior parte dei membri dell'UE sta ignorando la guida.

«La maggior parte degli europei pensa anche che #amore e stare con la persona che ami di più sia una priorità. Apparentemente, l'UE non è d'accordo. I vostri membri non hanno seguito la sua raccomandazione, continuano a ignorare #LoveIsNotTourism. Per favore, abbiamo bisogno del suo aiuto!» ha scritto l'utente di Twitter con il nome di Marie.

Con meno di un mese e mezzo a Natale, le probabilità che queste coppie rimangano separate restano alte. Anche se tutte le esenzioni vengono revocate all'improvviso, ottenere un visto turistico per l'Europa è ancora più difficile dato che i membri del trattato di Schengen hanno chiuso la maggior parte dei loro servizi per ottenere un visto all'estero a causa della pandemia.

Anche una possibile riapertura delle frontiere sembra del tutto impossibile, visto che diversi paesi dell'UE hanno già reimpostato blocchi e misure più dure per controllare la diffusione del virus durante la seconda ondata della pandemia che ha colpito l'Europa.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci