Inferno di cristallo a Londra

Grattacielo di 27 piani in fiamme a Londra, 50 feriti. I vigili del fuoco: “Ci sono dei morti”

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Londra. Brucia la Grenfell Tower, un grattacielo residenziale di 27 piani a North Kensington, ha preso fuoco per cause ancora da accertare verso l’una locale (le 2 in Italia) come una gigantesca torcia nella notte: 24 i livelli coinvolti, dal secondo piano in su.

200 i Vigili del Fuoco impegnati nelle operazioni di soccorso e spegnimento del palazzo, fra grida di persone dall’interno. Sono stati evacuati alcuni edifici limitrofi, poiché si teme che la torre possa collassare.

Al momento Scotland Yard conferma diversi feriti (almeno 50 quelli ricoverati in ospedale) e intossicati, mentre resta da chiarire la sorte di alcune persone che secondo i media sembravano essere rimaste intrappolate inizialmente ai piani alti. I Vigili del Fuoco parlano di «alcuni morti», ma non specificano ulteriori dettagli par ora.

La Grenfell Tower, costruita nel 1974, ospita in totale circa 120 appartamenti, con almeno cinquecento residenti e 24 negozi. Si trova nel Borough (Municipalità) di Kensington and Chelsea, non lontano dalla popolare area di Notting Hill, e ha uno dei sui affacci su Latimer Road, di fronte all’omonima stazione della metropolitana.

Di recente era stato avviato un ampio progetto di restauro e risistemazione. E, fra le tante ipotesi, non si esclude che il disastro possa avere a che fare proprio con i lavori. Gli abitanti avevano lanciato un allarme riguardo la possibilità di un incendio lo scorso anno, lamentandosi dell’enorme quantità di rifiuti lasciati ad accumularsi in un passaggio interno. Ancora lo scorso gennaio la questione era stata di nuovo denunciata, nonostante la profonda ristrutturazione avesse permesso di installare una nuova copertura isolante esterna, doppie finestre e il riscaldamento centralizzato.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci