In mostra a Parigi le fotografie dell'italiano Gianni Berengo Gardin

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Il 6 novembre è stata inaugurata al Festival PhotoSaintGermain a Parigi una mostra dedicata alla cultura popolare italiana. L’Istituto Culturale Italiano ha scelto di mettere in mostra 60 fotografie in bianco e nero, scattate tra il 1957 e il 2009 da Gianni Berengo Gardin, uno dei più grandi maestri della fotografia italiana contemporanea.

L’artista è nato a Santa Margherita Ligure nel 1930. E’ cresciuto a Venezia, che egli definisce la sua vera città natale in quanto, come racconta lui stesso, è nato in Liguria solo perché i suoi genitori vi si trovavano in vacanza. Inizia a dedicarsi alla fotografia nel 1954, dopo aver vissuto a Roma, Venezia, Lugano e Parigi. Si installerà a Milano dove comincerà la sua carriera professionale.

La sua fotografia è una vera e propria inchiesta sociale, che si consacra alla cultura popolare italiana e alla descrizione paesaggistica. Mostra un mondo affascinante popolato da bambini, zingare e donne vestite a festa. L’arte visiva si unisce alla poesia e alla ricerca antropologica, per comprendere una realtà che va al di là della mera dimensione documentaristica dell’immagine. La mostra è un viaggio alla scoperta della vera essenza dei luoghi e delle persone che li popolano, mettendo in luce dettagli che al primo sguardo non risultano visibili.

Il tema centrale della mostra è proprio la festa italiana, fatta di balli, riti, giochi e celebrazioni. Gardin da valore al momento di ritualità collettiva, sia della dimensione individuale, sia in quanto esperienza fondamentale della vita umana. Si tratta di immagini in bianco e nero, di grande intensità, che ci mostrano un’Italia che sta lentamente scomparendo a causa di una modernità tumultuosa, non più capace di godere dei riti e delle feste caratteristici di ogni regione.

La rivista di fotografia francese L’oeil de la Photographie, parla della mostra come di un evento che mette in luce ciò che accomuna i nostri due paesi:

“Le fotografie sono una preziosa testimonianza della storia recente italiana, che ci dicono qualcosa in più sul carattere del nostro paese, che tenta di esorcizzare, nei momenti di crisi, la paura e l’angoscia, attraverso l’ebrezza della festa, che sia popolare o religiosa. Forse perché il desiderio di sentirsi partecipi di un momento di collettività, qui ed adesso, ci permette di non essere prigionieri delle incertezze del presente e delle paura del futuro. I cliché di Berengo Gardin ci ricordano che gli uomini hanno bisogno della festa, perché nella festa, si sentono più vicini gli uni agli altri.”

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci