Germania e Francia si preparano a nuovi blocchi mentre il COVID investe nuovamente l'Europa

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

La Germania ha annunciato mercoledì l'intenzione di chiudere ampie fasce della vita pubblica per un mese, mentre la Francia si prepara a rafforzare ulteriormente i controlli, tutto questo a causa dell'impennata che il COVID sta avendo in tutta Europa, facendo crollare i mercati finanziari alla notizia di un probabile secondo blocco.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha incontrato i premier di stato in una videoconferenza e ha concordato un blocco parziale che vedrà la chiusura di bar, ristoranti, cinema, impianti sportivi e fiere dal 2 novembre al 30 novembre.

«Novembre sarà un mese di verità. Il numero crescente di infezioni ci costringe a prendere contromisure dure per fermare la seconda ondata», ha detto il ministro delle finanze Olaf Scholz su Twitter dopo l'incontro.

Le persone dovrebbero ridurre i contatti al di fuori del proprio nucleo familiare al «minimo assoluto necessario» e le misure di Polizia per far rispettare le regole saranno rafforzate. Tuttavia, le scuole e molte attività commerciali continueranno a funzionare e i negozi potranno rimanere aperti a condizione di fissare rigorosi limiti di distanza sociale.

In Francia, dove ormai si registrano più di 50.000 nuovi casi al giorno, il presidente Emmanuel Macron terrà un discorso televisivo in serata e si prevede che annuncerà ulteriori restrizioni a seguito delle misure di coprifuoco introdotte in gran parte del paese la scorsa settimana.

Il notiziario BFM TV ha riferito che il governo stava considerando un blocco di un mese a partire dalla mezzanotte di giovedì, ma non ci sono state conferme dall'ufficio di Macron.

Le misure in Germania e Francia, a seguito di mosse simili in Italia e Spagna, sarebbero meno severe rispetto ai blocchi quasi totali imposti all'inizio della crisi a marzo e aprile.

Ma, nonostante gli impegni del governo ad aiutare le imprese colpite dalle nuove misure, è probabile che il costo economico sia elevato, cancellando i fragili segnali di ripresa visti durante l'estate e aumentando la prospettiva di una doppia recessione.

Mercoledì i mercati azionari europei hanno toccato i livelli più bassi da giugno, mentre l'euro è sceso contro il dollaro e il Cboe Volatility Index .VIX, noto come "indicatore della paura" di Wall Street, è salito al livello più alto in quasi due mesi.

Per contribuire ad attenuare l'impatto, Scholz dovrebbe mettere a disposizione fino a 10 miliardi di euro (11,82 miliardi di dollari) in aiuti e aumentare l'indebitamento del governo mentre l'Italia ha accantonato più di 5 miliardi di euro.

Mentre i leader hanno cercato disperatamente di evitare il costo paralizzante dei blocchi, le nuove restrizioni riflettono l'allarme crescente della pandemia da Spagna, Francia e Germania, Russia, Polonia e Bulgaria.

«Se aspettiamo che le unità di terapia intensiva siano piene, sarà troppo tardi», ha detto il ministro della Sanità tedesco Jens Spahn, il cui paese ha già accolto pazienti dalla vicina Olanda, dove gli ospedali hanno raggiunto i loro limiti.

Il vice primo ministro russo Tatiana Golikova ha dichiarato mercoledì che i letti degli ospedali erano al 90% della capacità in 16 regioni del paese, mentre i funzionari hanno avvertito che anche sistemi sanitari ben attrezzati come quelli in Francia e Svizzera potrebbero raggiungere il punto di rottura in pochi giorni.

LA SPERANZA DI UN VACCINO

Le speranze di nuovi trattamenti che possano frenare la diffusione del contagio, sono state intaccate quando il capo della task force britannica per l'approvvigionamento di vaccini ha affermato che un vaccino completamente efficace potrebbe non essere mai sviluppato e che le prime versioni potrebbero essere imperfette.

La Commissione Europea ha invitato i governi europei a intensificare la loro risposta e coordinare le strategie di test, affermando che c'è ancora tempo per trattenere la malattia.

«La situazione è molto grave, ma possiamo ancora rallentare la diffusione del virus se tutti si assumono la responsabilità», ha detto in conferenza stampa la presidente della Commissione Ursula von der Leyen.

Gli ultimi dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità di martedì hanno mostrato che l'Europa ha segnalato 1,3 milioni di nuovi casi negli ultimi sette giorni, quasi la metà dei 2,9 milioni segnalati in tutto il mondo, con oltre 11.700 decessi, un aumento del 37% rispetto alla settimana precedente.

Gli Stati Uniti, con più di 500.000 casi nell'ultima settimana, hanno registrato infezioni giornaliere record e, mentre molti paesi asiatici hanno in gran parte tenuto sotto controllo la malattia, la Cina ha segnalato 42 nuovi casi martedì, il suo più alto bilancio giornaliero in più di due mesi.

Con meno di una settimana dalle votazioni del 3 novembre, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha preseguito mercoledì con le manifestazioni per la campagna elettorale, nonostante l'aumento dei casi COVID e le crescenti critiche sul fatto che stia dando la priorità alla sua rielezione rispetto alla salute dei suoi sostenitori.

Finora, sono stati registrati più di 42 milioni di casi e più di 1,1 milioni di decessi in tutto il mondo a causa del virus, che è stato identificato per la prima volta nella città centrale cinese di Wuhan alla fine dello scorso anno.

Mentre i sondaggi in diversi paesi mostrano che molti vogliono controlli rigorosi per fermare la diffusione della malattia, l'ampio clima di sostegno pubblico per i governi visto nella prima ondata della pandemia è sempre più debole.

I governi di tutta Europa sono stati criticati per mancanza di coordinamento e per non aver utilizzato la pausa estiva per rafforzare le difese, lasciando gli ospedali impreparati e costringendo le persone a utilizzare i trasporti pubblici puntualmente sovraffollati per andare al lavoro.

Dal fine settimana l'Italia ha assistito a ripetuti scontri tra Polizia e manifestanti nelle città di Napoli e Torino, nonché aspre critiche da parte di ristoratori e gruppi di imprese.

«Alle 18 il trasporto pubblico è spesso affollato. Corri il rischio perché devi metterti al lavoro. Indossi una maschera, porti con te il gel per le mani», ha commentato un pedolare dopo essere sceso da un autobus nel centro di Roma mercoledì. «È la nuova normalità.».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci