Cina, si aggrava il bilancio del tifone Lekima: almeno 30 morti, 20 dispersi e 1 milione di sfollati

Venti fino a 187 chilometri orari e con mareggiate possenti. Pesanti danni a Wenling, tra Shanghai e Taiwan. Migliaia i voli cancellati.

Pista Kart Indoor Albenga

Un potente tifone ha provocato la morte di almeno 30 persone in Cina, dopo che una frana ha bloccato il flusso di un fiume facendolo straripare, allagando le zone circostanti ed inondando le abitazioni, secondo quanto riferito dai media statali.

Secondo l’agenzia ufficiale di stampa Xinhua, altre 20 persone risultano disperse e più di un milione sarebbero le persone fatte evacuare, secondo la televisione di stato CCTV.

Il tifone Lekima ha toccato terra sabato nella provincia orientale dello Zhejiang con venti fino a 187 chilometri orari, sebbene abbia perso di potenza dalla sua precedente classificazione come super tifone.

I decessi sono stati registrati nella contea di Yongjia nella periferia di Wenzhou, una grande città portuale. Il fiume bloccato dalla frana si è innalzato di 10 metri in circa 10 minuti, intrappolando 120 abitanti del villaggio.

Migliaia di voli sono stati cancellati nella Cina orientale, secondo quando riferito dalle autorità per la controllo del traffico aereo del paese, con la maggior parte dei voli da e per i due principali aeroporti di Shanghai sospesi.

L’ufficio meteorologico cinese sabato aveva declassato ad arancione un’allerta rossa (la più alta della scala) emanata venerdì, quando la tempesta aveva obbligato alla cancellazione dei voli a Taiwan e alla chiusura di mercati ed imprese sull’isola.

La frana mortale si è staccata a circa 129 chilometri a nord della città costiera di Wenzhou, quando una diga naturale è crollata in un’area sommersa da 160mm di pioggia caduta in sole 3 ore, secondo quanto riportato da CCTV.

La tempesta si è poi spostata verso nord alla velocità di 15 km/h, indebolendosi gradualmente. Forti venti e pioggia si sono abbattuti sabato pomeriggio sul centro finanziario di Shanghai, mentre Shanghai Disneyland è stato chiuso per tutta la giornata.

Circa 200 treni nella città di Jinan nella provincia di Shandong sono stati sospesi fino a lunedì.

Più di 250mila residenti a Shanghai e 800mila nella provincia di Zhejiang sono stati evacuati a causa del tifone, e circa 2,72 milioni di famiglie sono rimase senza energia elettrica a causa di un blackout verificatosi quando forti venti e pioggia hanno abbattuto le linee dell’alta tensione.

Circa 200 case in sei citta dello Zhejiang sono crollate, e più di 66 ettari di terreni agricoli sono stati distrutti.

È stato previsto che la tempesta raggiunga la provincia di Jiangsu entro le prime ore di domenica per poi dirigersi verso il Mar Giallo prima di proseguire verso nord e fare nuovamente ritorno nella provincia di Shandong.

Le imprese costiere nello Zhejiang sono state chiuse ed il ministro per la gestione delle emergenze ha avvisato del potenziale rischio di incendi, esplosioni e perdite di gas tossici nei parchi chimici e nelle raffinerie di petrolio.

Nella mattinata di domenica il tifone Lekima, degradato a tempesta tropicale, era lentamente diretto a nord lungo la costa est della Cina.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

Centro Revisione Arnaldi