Roma: Battisti atteso questa mattina presso l’aeroporto Ciampino

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Cesare Battisti, ex terrorista italiano attivo durante gli anni di piombo, era evaso dal carcere di Frosinone nel 1981, dopo una condanna a 12 anni in primo grado per banda armata. In quanto membro del gruppo Proletari Armati per il Comunismo, Battisti era stato condannato all’ergastolo per la partecipazione a quattro omicidi e per reati legati alla lotta armata e al terrorismo.

Dichiaratosi innocente per gli omicidi, ha ricevuto asilo fuori dai confini italiani come rifugiato politico. Trascorse parte della sua latitanza in Messico e in Francia, e dal 2004 in Brasile.

Battisti venne arrestato nel paese sudamericano nel 2007 e fu detenuto in carcere a Brasilia fino al 9 giugno 2011. Inizialmente gli era stato concesso lo status di rifugiato, invero il 31 dicembre 2010 fu proprio il presidente brasiliano Luiz Inàcio Lula de Silva ad accordargli un visto permanente. Il Tribunale supremo federale brasiliano aveva negato definitivamente l’estradizione, poiché Battisti avrebbe potuto subire persecuzioni a causa delle sue idee.

Il 12 gennaio 2019, Cesare Battisti è stato arrestato dall’Interpol a Santa Cruz de La Sierra, in Bolivia, dopo un mese di latitanza. "Ora lo attendono le nostre carceri"- dichiara il premier Giuseppe Conte - Finalmente giustizia per le famiglie, un risultato atteso da 40 anni”. mentre il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha esultato: "La pacchia e' finita, merita di concludere i suoi giorni in galera”.

Cesare Battisti è atteso alle ore 11.30 presso l'aeroporto romano di Ciampino. Non appena sbarcherà, sarà preso in consegna dal Gruppo operativo mobile della Polizia penitenziaria e portato nel carcere di Rebibbia. Secondo quanto riportato, non potendo condividere l’ambiente detentivo con altri soggetti e dovendo scontare l’ergastolo, Battisti sarà in cella da solo e sarà inoltre sottoposto a sei mesi di isolamento diurno.

Il deputato federale nonché figlio del presidente brasiliano, Eduardo Bolsonaro, ha subito mandato un messaggio al ministro dell'Interno su Twitter: "Matteo Salvini, il 'piccolo regalo' sta arrivando".

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci