Campionato Italiano Trial

Buona prova tricolore per i giovani centauri del Moto Club Albenga

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

E' Badia Calavena, un caratteristico borgo del veronese ad ospitare la penultima prova del Campionato Italiano Trial Outdoor, che vede impegnati i più giovani atleti del Moto Club Albenga, che corrono nelle fila del Team Jo Moto di Cisano sul Neva.

Ottimamente tracciate le zone, che presentavano diverse tipologie di terreno, dalla ghiaia del greto del fiume, a ripide risalite in erba, senza far mancare insidiose rampe di terra e roccia, il tutto reso ancora più scivoloso dalla pioggia caduta abbondante durante la notte prima della competizione.

Come ci si immaginava le zone erano molto selettive, e i giovani piloti sin dal primo giro, hanno subito capito che non c'era margine di errore, e che ogni rimonta sarebbe stata davvero difficile. Alla mattina, mentre si attendeva la partenza, si respirava un aria di tensione, che sparì al suono della campana, lasciando spazio solo a concentrazione e determinazione. Compagni di categoria troviamo Brusatin Edoardo e Doglio Dario, già dalle prime prove gli ingauni si rivelano all'altezza degli avversari, tutti più grandi e con moto di cilindrata superiore. Per nulla intimoriti dalla concorrenza iniziano a staccare punteggi di tutto rispetto. Alla fine del primo giro la classifica è molto corta e tutti i ragazzi sono in una manciata di punti. Nel mentre il compagno di colori Moretto Andrea era alle prese con le sue zone, contraddistinte dalle bandierine gialle, su percorso comune ai più grandi. Anche per lui gara snervante, sul filo del rasoio, dove nulla può essere lasciato al caso, stacca punteggi ammirevoli.

La gara sta volgendo al termine, e si aspettano gli ultimi cartellini per fare la conta delle penalità. In trepida attesa davanti ai cartelloni troviamo i ragazzi che parlottano tra loro, sentiamo Andrea Moretto rammaricarsi a causa della zona n°4 molto insidiosa, che presentava oltre che a radici viscide, una risalita impervia e lunga, dove proprio forse il 125 non bastava per riuscirne ad uscire, unico neo di una condotta di gara a dir poco perfetta, che lo porta comunque ad uno strameritato terzo posto, conquistando punti preziosi, e rimanendo in corsa per il titolo.

Ecco finalmente completarsi i tabelloni dei più giovani, che decretano il primo posto per Dario Doglio con sole 6 penalità, dopo la discriminante degli zeri. Soddisfatto ma con un piccolo rimpianto troviamo al quinto posto Edoardo Brusatin, che conquista punti preziosi anch'egli in visione campionato. E' lui stesso a confidarci che quello sfortunato 5 al primo giro gli è costato davvero caro, infatti , ci spiega, alla zona numero 2 dopo uno scarto improvviso di traiettoria dovuto ad una pietra smossa, rimanendo sbilanciato non è più riuscito a ripartire. Uno sfortunato errore solo, ma che pesa purtroppo sulla classifica finale. Tutti contenti i supporters del Moto Club Albenga, che commentano così:” siamo molto contenti per gli ottimi risultati ma ancor più per la notevole crescita sportiva di questi giovani ragazzi, che ricordiamo hanno chi 11 e chi 16 anni, che non finiremo mai di ringraziare per portare alti e con orgoglio, i nostri colori, e il nome di Albenga in giro per l'Italia, grazie ragazzi, avanti così”.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci