Il ponentino Samuele Manfredi è indicato come una delle grandi promesse del ciclismo

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Chi scrive lo aveva notato fin dalle prime pedalate, una volta ricevuta la telefonata di Gianni Gaibisso, presidente dell’U.C.Alassio. Sono passati più di sei anni da quando Samuele Manfredi, pietrese, una carriera giovanile nelle fila della citata società alassina, ha iniziato a farsi conoscere, grazie alle sue numerose vittorie. Quando si affermava nei Giovanissimi e poi faceva il vuoto negli Esordienti qualcuno suggeriva di non parlare troppo di lui, perché è poi nelle categorie successive che si capisce se ci troviamo davanti ad un campione. Il tempo è stato galantuomo con chi ci ha sempre creduto dando torto a chi forse non voleva riconoscerle il talento: Samuele Manfredi è adesso una delle grandi promesse del ciclismo italiano e la prova del fuoco la si è avuta nella gara che ha preceduto la Gran Fondo Cassani. Ha staccato tutti nella categoria Juniores e qualcuno, su un giornale autorevole, lo ha dipinto come il nuovo Coppi. Un’esagerazione? Forse, ma sicuramente la stoffa del campione c’è e il ringraziamento va a chi, come Gianni Gaibisso e tutto lo staff dell’Alassio ci ha creduto. Mediagold lo seguirà in tutta la stagione ormai avviata sicura di poter descrivere le gesta di un futuro campione

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci