Sampdoria in paradiso. Nel Genoa a ore l’esonero di Juric

Blucerchiati in zona Champions, il tecnico rossoblù a rischio

  • Guglielmo Olivero
  • 1 min e 19 sec (246 parole)
  • Sport
  • calcio
Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Per la terza volta consecutiva la Sampdoria si aggiudica il derby della Lanterna, con un 2-0 che rispecchia quanto visto in campo. Chi si aspettava che, come ogni derby che si rispetta, i valori venissero parificati è andato deluso perché la Sampdoria, sempre più vicina a sentire il profumo della zona Champions, ha dimostrato di essere tecnicamente superiore ad un Genoa che va sempre più in fondo, soprattutto dopo la vittoria del Crotone sul Bologna nella spettacolare partita delle 18. A sbloccare il risultato ci ha pensato Ramirez che ha segnato al ventunesimo del primo tempo.

Nella ripresa il Genoa ha giocato in maniera generosa, collezionando alcune pericolose occasioni. Poi a cinque minuti dalla conclusione, proprio nel momento della maggior pressione del Grifone, è arrivato il 2-0 firmato da Quagliarella, che ha anche risposto alla mancata convocazione nella nazionale di Ventura ( “sono troppo vecchio” ha detto ironicamente la punta blucerchiata). Ora, da un momento all’altro, si attende la decisione su Juric che difficilmente rimarrà in sella lasciando forse la panchina a Ballardini. Ma è il momento rossoblù ad essere difficilissimo considerato che non si sblocca anche la trattativa per la cessione della società.

Piove insomma sul bagnato per il Genoa. È a proposito: il derby si è giocato regolarmente, con un’allerta meteo che, almeno fino alle 23, è rimasta tale nel genovese.

La partita è iniziata anche in compagnia di una luna piena, poi nella ripresa è scesa la pioggia, ma mai in maniera violenta.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci