11 Luglio 1982 - 11 Luglio 2017, 35 anni dopo quanta nostalgia per quella notte mundial

Sono passati trentacinque anni da quando la Nazionale Italiana vinse i Mondiali di calcio in Spagna, ma per molti il ricordo è ancora forte.

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Sono passati trentacinque anni da quando la Nazionale Italiana vinse i Mondiali di calcio in Spagna, ma per molti, soprattutto per quelli che allora erano giovani, il ricordo è ancora forte, nitido, chiaro. Per chi viveva nella Riviera di Ponente i ricordi sono ancor più numerosi, con la squadra azzurra che, prima di partire per Vigo, sede della prima fase, soggiornò alla Puerta del Sol. E chi, come chi scrive, allora era davvero alle prime armi e riversava le interviste alle tivù e radio locali (Baia del Sole, Teleuropa, Radio Savona International), tante sono ancora le emozioni, con il microfono che tremava quando si doveva intervistare il Vecio (Bearzot) o il grande capitano (Dino Zoff). Trentacinque anni dopo quel Mundial e quel modo di vivere, sembra davvero appartenere ad un’altra epoca. Per quanto si giocasse la finale di un campionato del mondo la giornata, anche televisiva, trascorse normale, dominata nel pomeriggio dalla sconfitta degli azzurri del tennis nella Coppa Davis contro la modesta Nuova Zelanda e da vecchi telefilm. La partita, cosa oggi impensabile, andò in onda sul secondo canale, con tanto di Tg2 nell’intervallo e senza alcun spot. E anche la festa, che Alassio visse in modo particolare, dopo il 3-1 sulla Germania, fu allegra ma contenuta, gioiosa ma senza eccessi.

Tutti quelli che allora erano giovani e oggi lo sono un po’ meno ricordano con chi vissero, davanti allo schermo, quelle emozioni, quei novanta minuti da leggenda. E alcune di quelle persone, come un paio che la videro con chi scrive, ci hanno lasciato e sono in giornate come oggi, invase da un inevitabile senso di malinconia, a farcele ritornare in mente. E oggi sarebbe bellissimo che quei cari amici rivivessero, negli schermi del paradiso, la finale mundial insieme ai suoi cantori Nando Martellini, Enrico Ameri, Sandro Ciotti, all’ indimenticato presidente Sandro Pertini, al Vecio Bearzot e a Gaetano Scirea che lasciò questo mondo poco tempo dopo quella indimenticabile notte madrilena.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci