Quando la Reyer Venezia giocava a Vado Ligure

Gli appassionati di pallacanestro non dimenticheranno facilmente la finale scudetto che ieri sera ha incoronato la Reyer Venezia campione d’Italia, dopo sei splendide partite contro Trento.

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Gli appassionati di pallacanestro non dimenticheranno facilmente la finale scudetto che ieri sera ha incoronato la Reyer Venezia campione d’Italia, dopo sei splendide partite contro Trento. E saranno stati tanti, ieri sera, a tornare indietro con la mente quando Venezia, allora alle prese con una grave crisi economica, militava nelle categorie dilettantistiche, con tanta voglia un giorno di risalire. Tra le tante partite che i lagunari giocarono tra il 2002 ed il 2004 quelle contro il Riviera Basket, l’ultima grande squadra del ponente savonese. Altri tempi ed altre storie, che sono purtroppo finite in modi diversi. Venezia, dopo un lungo pellegrinaggio, è arrivata prima in A2 e poi nella massima serie vincendo lo scudetto. Una favola, di quelle che fanno ancora innamorare tanti appassionati. Per il Riviera Vado le cose sono andate diversamente, in modo beffardo e atroce per i suoi sostenitori, oltre 1400 che il giorno successivo, era il 2010, la promozione nella A dilettanti, vennero alla conoscenza delle tante falle della dirigenza che portarono il team ad essere fortemente ridimensionato.

Wilma Carlini, per anni gestrice del bar del palazzetto di Quiliano, ricorda quelle mitiche sfide: «Purtroppo di quelle partite non sono rimaste foto, perché altrimenti oggi avrebbero un bel valore e si potrebbero mostrare ai frequentatori del palazzetto. Ma tutti ricordiamo Venezia, una squadra che già allora faceva intuire che, prima o poi, sarebbe tornata al vertice»

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci