La Virtus Bologna (e Tommaso Oxilia) promossa in serie A

Anche Tommaso Oxilia è salito sul trono allestito dalla Fip per premiare la Virtus Bologna.

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Anche Tommaso Oxilia è salito sul trono allestito dalla Fip per premiare la Virtus Bologna che pochi minuti fa, superando Trieste (72-66) in gara 3, ha conquistato la promozione nella massima serie della pallacanestro. La finale playoff, che tanti appassionati ponentini hanno seguito sugli schermi di Sky Sport, si è conclusa senza tante storie, in sole tre partite. Troppo forte Bologna per temere un avversario che è stato comunque la vera sorpresa del torneo, mettendo in evidenza un’ottima pallacanestro, con delle spiccate individualità. Tra le fila di Bologna, per tutta la regular season, ma anche in qualche frangente della finale, ha ben figurato Tommaso Oxilia, giocatore di Loano, grande promessa della pallacanestro italiana.

Lui, raggiunto telefonicamente, ha avuto soltanto il tempo, nella festa che si è scatenata nel palazzetto di Trieste, di spedire un telegramma agli amici di Mediagold: «Una soddisfazione pazzesca e la bellezza di aver vissuto una tagione insieme ad altri campioni che, fin dalla prima partita, avevano in mente la massima divisione, riconquistata dopo una sola stagione». E comunque la si pensi che campionato di pallacanestro è senza Bologna? Piuttosto sarebbe auspicabile che nella pallacanestro, come in altre discipline, chi ha scritto la storia dello sport, possa godere di qualche tutela in più. Bologna in B, per tutti gli appassionati, è stata una ferita per il basket italiano.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci