La stella di Filippo Tortu brilla a Savona

Un’emozione unica, intensa, da raccontare agli amici, per coloro che ieri pomeriggio erano presenti al campo scuola Fontanassa.

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Un’emozione unica, intensa, da raccontare agli amici, per coloro che ieri pomeriggio erano presenti al campo scuola Fontanassa. Difficilmente si potrà dimenticare la sesta edizione del Meeting Internazionale Città di Savona grazie al talento di Filippo Tortu che ha corso i 100 metri in 10”15, seconda prestazione mondiale Under 20 e ovviamente primato italiano Juniores.

Le premesse per un grande risultato c’erano tutte: da diversi giorni il campione delle Fiamme Gialle aveva dichiarato che a Savona, sulla pista che l’anno scorso l’aveva fatto conoscere a tutti gli appassionati, avrebbe voluto ottenere una grande prestazione. Obiettivo centrato e racconto della corsa da parte dello stesso Tortu, quanto mai emozionato: «Volevo ottenere un gran tempo e ci sono riuscito – afferma il velocista di origine sarda ora residente in Lombardia – anche se mi sono accorto che potevo realizzare una grande prestazione dopo metà gara, quando le gambe hanno iniziato a circolare nel modo giusto. Il tempo, ottenuto con +0,9 di vento, mi conforta. Spero che da qua, dal Fontanassa, possa iniziare una grande stagione che tra una decina di giorni avrà uno dei suoi momenti clou con il Golden Gala di Roma. Se penso ai Mondiali? Ci penso, ma per il momento sono ancora lontani e non voglio accelerare i tempi. Al Golden possibile un impegno nei 200? Valuterò con i tecnici, la stagione è appena all’inizio e dobbiamo preparare con attenzione tutti gli impegni»

Ma è chiaro che per gli appassionati, da tempo alla ricerca di un talento, Tortu (che ha ottenuto il sesto tempo italiano assoluto) può far sognare. E far venire in mente, con tanti brividi e tanta emozione, il fu Pietro Mennea di Barletta.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci