La domenica delle maratone nello strano clima di ottobre

Due importanti eventi a Torino e nella Riviera di Ponente

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

È un classico che diverse maratone italiane si corrono in autunno, quando le condizioni climatiche sono adatte per chi ama i lunghi percorsi. Ma il clima è cambiato come dimostrano le due gare che si sono svolte oggi e che saranno ricordate più per i dilemmi dei suoi partecipanti che per il risultato finale.

Molti amanti liguri di questa specialità, soprattutto genovesi, hanno partecipato questa mattina alla trentunesima edizione della Maratona di Torino, nobilitata da un elenco iscritti davvero prestigioso. Nonostante il clima, con aria pesante ed a tratti irrespirabile a causa della cenere prodotta dagli incidenti nella Val di Susa, sono stati oltre tremila i partecipanti a questa gara. Alcuni ritiri si sono verificati anche perché gli organizzatori hanno ricordato ai partecipanti di non affaticare il fisico in caso di stanchezza perché con l’aria che si respira oggi ci potevano essere conseguenze.

Alla RunMarathonRun che si è disputata sul percorso Finale-Loano invece le condizioni meteo erano davvero calde per la stagione: una giornata praticamente estiva, con qualche velatura. Ma l’aria era respirabile e pulita, con la Riviera di Ponente che ormai è diventata baluardo per chi cerca un clima gradevole.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci