Presentata la decima edizione di “Su La Testa”

Un festival di cantautorato e indie rock di portata internazionale

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Si svolgerà il 3, 4 e 5 dicembre, presso il Cinema Teatro “Ambra” di Albenga, l’edizione numero 10 di “Su la testa”, il festival musicale che da sempre punta sui nomi più prestigiosi, a livello nazionale e internazionale, nell’ambito del cantautorato, del folk e dell’indie rock.

Per celebrare questa importante ricorrenza l’associazione culturale Zoo, ideatrice e organizzatrice dell’evento, ha organizzato una conferenza stampa presso l’elegante Sala degli Stucchi del Comune di Albenga.

Introduce il discorso Davide Geddo, lui stesso cantautore, ma qui in veste di rappresentante della Zoo. Geddo inizia parlando dell’ottimo rapporto che si è costruito negli anni con l’amministrazione comunale, in nome del fatto che portare cultura sul territorio equivale a portare ricchezza, visibilità e a far girare anche l’economia pur con un festival, come questo, realizzato sempre ad alto livello ma con budget minimi.

Per questa edizione del decennale, accanto a tanti nomi nuovi, si potrà assistere a un vero e proprio “best of” delle annate passate, fatto di diversi graditi ritorni. Ci sarà Zibba, cantautore varazzino che negli anni si è fatto conoscere scrivendo per nomi del calibro di Finardi, Tiziano Ferro o componendo inediti per X Factor; ci sarà Max Manfredi, esponente della nuova scuola genovese definito “Il migliore” addirittura da De André in persona nei suoi ultimi anni di vita; Manfredi si esibirà con Federico Sirianni, un artista che ogni anno realizza dalle 200 alle 250 date dal vivo e, come tiene a precisare Geddo, in una realtà come quella del cantautorato indipendente è un risultato non facile. E poi ci sarà Ginger Leigh, musicista che ha collezionato premi e riconoscimenti in tutti gli USA. Su di lei Geddo racconta che si è trovata talmente bene a suonare in passato a “Su la testa” che ne ha parlato in tutto il Texas, dove vive, e ora il festival riceve ogni anno richieste di partecipazione da musicisti texani, “Tanto che – scherza Geddo – bisognerebbe progettare un gemellaggio”.

Gabriele Puggelli, dell’associazione Zoo, ricorda l’importanza del premio “Renzo Pisani”, ideato per commemorare la figura del fondatore e proprietario del Cinema “Ambra”, da pochi anni deceduto. Questo riconoscimento viene assegnato a chi si impegna a portare alto il nome del territorio ingauno nel mondo della cultura e quest’anno andrà a Stefania Fratepietro, ballerina, attrice e cantante albenganese oggi famosa soprattutto nei musical.

Comunque, precisano gli attivissimi volontari dell’associazione Zoo, “Su la testa” è cresciuto fino a comprendere tutta una serie di eventi collaterali che verranno annunciati man mano, tra cui mostre d’arti figurative. E poi ci saranno il tradizionale dopofestival e il “Su la testa Contest”, attualmente già in corso; quest’ultimo è un festival itinerante (quest’anno si tiene presso l’SMS “Milleluci” di Savona, il circolo ARCI “Brixton” di Alassio, il “Victorian” pub di Alassio e il “Carillon” Caffé di Albenga) nel corso del quale, su votazione del pubblico e di una giuria formata dall’associazione, vengono scelti i nomi “giovani” che saliranno sul palco in apertura delle tre serate del festival ufficiale di dicembre.

Il sindaco Giorgio Cangiano e Alberto Passino, presidente del consiglio comunale di Albenga, presenti alla conferenza stampa, hanno ribadito la loro volontà di investire in cultura e hanno sottolineato la loro stima e fiducia nei confronti dell’associazione culturale Zoo che per dieci anni, con minime sovvenzioni, ha saputo realizzare un evento di portata internazionale.

Ringraziamo Lorenza Bertoglio, dell’associazione Zoo, per le foto a corredo di questo articolo.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci