SOS Screaming On Silence. Mostra collettiva di 10 artisti

PALUMBO, PITTI, MIGLIORINI, DOLZAN, GASPARINI TERENZIANI, PAROLINI, MASSUCCO

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Lo spazio d'arte contemporanea Arte è Kaos presenta SOS _ Screaming On Silence, mostra collettiva di 10 artisti con più di 40 opere esposte nella sede di Via V. Veneto,100 nel Budello di Alassio dal 23 dicembre 2016 al 08 gennaio 2017..

La mostra si propone di presentare il quadro come presenza che si impone nel vuoto che va a riempire, "un grido nel silenzio", un "SOS" emozionale. Una richiesta di attenzione, segnalata in maniera potente e diretta.

Arte è Kaos è una realtà ben consolidata che ha organizzato negli anni decine di incontri, collettive e personali presso la propria sede e in numerose sedi istituzionali della zona (tra le l'altre L'ex Chiesa Anglicana di Alassio, Palazzo Oddo ad Albenga) dando spazio ad artisti storici e internazionali così come a giovani emergenti di talento. Essendo Alassio un crocevia turistico importante, sia per la sua vicinanza alla Costa Azzurra, sia per essere meta turistica affermata per il turismo dal nord Italia, Arte è Kaos si colloca quindi in una posizione d'eccellenza per la promozione culturale e artistica sul territorio del ponente ligure.

L'"SOS" del titolo della mostra può anche essere letto sotto questa chiave: Arte è Kaos vuole catalizzare l'attenzione sull'importanza che eventi d'arte possono e devono avere per il territorio, guardando al futuro proponendosi di lavorare insieme alle amministrazioni comunali per organizzare eventi dal forte impatto emozionale.

"Difronte ad un quadro bisogna avere lo stesso atteggiamento che si ha al cospetto di un principe: aspettare senza sapere se ci parlerà e che cosa ci dirà. E come al principe, anche al quadro, non dobbiamo essere noi che rivolgiamo la parola: se lo facessimo udiremmo soltanto la nostra voce" ArthurSchopenhauer

Ogni opera d'arte urla nel silenzio. Il silenzio di un museo, di una galleria d'arte, di una casa. Il silenzio di uno spazio che non ha niente da dire fino al momento in cui l'opera fa la sua comparsa. Il quadro non racconta, non sussurra, non parla: urla. Perchè le vere opere d'arte si fanno sentire a gran voce, non sono parole sussurrate ma frasi esternate con potenza e decisione: non si può non ascoltarle.

"Ogni opera d'arte è un SOS, un messaggio nella bottiglia, una richiesta se non di aiuto di attenzione. L'artista lancia il suo messaggio nel mondo e al mondo. Un messaggio con mittente ma dal destinatario sconosciuto. Come una frase urlata dall'alto, da un aereo in stallo sopra le nuvole, o in mezzo al mare da una nave che affonda. Qualcuno ascolterà questo messaggio, trasmesso su una frequenza speciale, e non potrà ignorarlo.

Ogni opera d'arte urla sul silenzio, per contrastare il vuoto e il buio, l'assenza di emozione e di colore. Fa notare la sua presenza sviluppando nuove energie non solo in un ambiente ma anche nell' animo di chi osserva. Ma il quadro continua a gridare la sua forza silenziosa anche quando nessuno è presente, anche quando nessuno lo ascolta. Testimone solitario di spettri emozionali che trovano voce in chi sa ascoltare".

Alberto Marinelli

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci