“Spettri rossi” avvistati nei cieli del nord Italia

Il fenomeno meteorologico registrato dall’Osservatorio Montsevelier in Svizzera.

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

La settimana scorsa, il 6 di agosto, Roger Spinner dell’Osservatorio Montsevelier, in Svizzera, è stato testimone di un particolare fenomeno meteorologico. «Spettri rossi lampeggiavano sopra una temporale nel nord Italia a circa 215 km. – ha detto Spinner – Ho registrato un video in alta definizione con la mia macchina fotografica

Lo spettro rosso (in inglese red sprite, spiritello rosso/folletto rosso) è un fenomeno elettrico atmosferico che si manifesta negli strati alti dell’atmosfera, anche fino a 80 km di quota, sopra ai fenomeni temporaleschi, di regola associato alla ionizzazione dell’aria.

Quando il temporale ha raggiunto la Lombardia, la macchina fotografica di Spinner ha registrato dettagliatamente tre magnifici agglomerati di spettri rossi. Con un conformazione simile a meduse, gli spettri erano alti più di 40 km, con “tentacoli” porpora diretti in basso verso il temporale e “teste” color rosso che toccavano i limiti dello spazio. Sfere di luce rossa di poche centinaia di metri di diametro a punteggiare i “fianchi” ed i “tentacoli” della medusa.

«Per me, questi scatti sono speciali – commenta Spinner, che ha monitorato gli spettri rossi in Europa per più di 7 anni – Sebbene tre "meduse" di spettri rossi in una sera non siano una cosa eccezionale per un temporale, video a colori in qualità HD o 4K di questi eventi non sono stati possibili per molto tempo

I raggi cosmici potrebbero aver aiutato Spinner a catturare queste immagini. La radiazione proveniente dallo spazio profondo si sta intensificando per via del Minimo Solare. Durante questa fase del ciclo solare, i raggi cosmici penetrano le difese magnetiche indebolite del Sole ed entrano nell’atmosfera terrestre in quantità superiore al normale. Alcuni ricercatori pensano che la maggior quantità di raggi cosmici fornisca la “scintilla” ionizzante che genera questi spettri rossi.

Spinner sapeva dove puntare la sua macchina fotografica grazie, in parte, anche alla mappa pubblicata su Blitzortung.org, un servizio online gratuito dove è possibile consultare gli eventi di fulminazione in tutto il mondo in tempo reale.

Sistemi convettivi mesoscali con potenti fulmini tendono a produrre i migliori spettri rossi. Tempeste distanti possono essere fotogenicamente le migliori. Ampi spazi di centinaia di chilometri o più, hanno permesso a Spinner di vedere oltre la sommità della tempesta di fulmini.

«Anche se sai esattamente dove si trovano le tempeste di fulmini e dove gli spritelli rossi possono verificarsi, lo spettacolo che la natura ci propone rimane sempre una sorpresa.», conclude Spinner.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci