Disinfestare la casa dagli scarafaggi diventerà (forse) impossibile

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Nella continua corsa agli armamenti evolutiva tra scarafaggi e umani che creano veleni per ucciderli, sembra che gli scarafaggi stiano avendo la meglio.

Gli scarafaggi tedeschi (insetti piccoli, veloci e prolifici che vivono solo attorno alle persone) stanno velocemente sviluppando una resistenza verso tutta una gamma di pesticidi, e presto potrebbe diventare quasi impossibile ucciderli solo con l'approccio chimico.

I disinfestatori, solitamente, fanno affidamento a differenti tipi di prodotti chimici tossici per eliminare gli scarafaggi: se l'insetto si dimostra resistente ad una classe di agenti chimici, cambiano agente. I ricercatori, però, hanno recentemente scoperto che le blatte tedesche (Blatella germanica) stanno sviluppando una naturale resistenza ad una vasta gamma di insetticidi, il che significa che la progenie degli scarafaggi nasce già immune alle tossine che non hanno incontrato direttamente.

Secondo questa ricerca, gli scienziati ritengono che ciò a volte possa avvenire già all'interno di una singola generazione: «Non avevamo idea che una cosa del genere potesse accadere così velocemente - ha detto Michael Scharf, professore e capo del Dipartimento di Entomologia all'Università Purdue dell'Indiana - La resistenza a molteplici classi di insetticidi che gli scarafaggi stanno sviluppando, renderà quasi impossibile eliminarli con il solo uso di agenti chimici.»

Per la ricerca, gli scienziati hanno testato per più di sei mesi gli effetti di tre differenti tipologie di insetticidi su popolazioni di scarafaggi presenti in alcuni condomini di Danville in Illinois, e Indianapolis in Indiana. Durante la ricerca, un gruppo di blatte è stato esposto ad un insetticida, una seconda popolazione di scarafaggi è stata esposta a due differenti classi di insetticida, mentre una terza è stata avvelenata con rotazioni dei tre insetticidi (uno al mese, per due cicli trimestrali).

Gli scienziati hanno anche monitorato la resistenza degli scarafaggi agli insetticidi attraverso più generazioni, intrappolando scarafaggi vivi da riportare al laboratorio in vasetti di alimenti per l'infanzia unti con pane imbevuto di birra.

Nella maggior parte dei casi, le popolazioni di blatte sono rimaste stabili o sono aumentate, ed è stato riscontrato come la rotazione dei pesticidi si sia rilevata «quasi del tutto inutile» nel ridurne la loro quantità, «a causa della resistenza ad ampio raggio» che la ricerca ha dimostrato. Le progenie non solo sono risultate resistenti al pesticida con cui i genitori sono venuti a contatto, ma hanno anche inaspettatamente mostrato segni di resistenza ad altre classi di insetticidi.

Il solo esperimento ad avere avuto esiti positivi è stato quello con il singolo pesticida: è risultata un'elevata percentuale di successo in una popolazione che ha dimostrato di non avere quasi alcuna resistenza alla tossina. Comunque, in un altro esperimento i ricercatori hanno testato un gruppo di insetti che manifestavano una resistenza leggermente superiore: la popolazione è aumentata, con generazioni nate dai sopravvissuti resistenti alle tossine. Una singola femmina di scarafaggio può produrre dozzine di uova ogni pochi mesi, rimpiazzando velocemente le comunità decimate.

Il prolifico scarafaggio tedesco si trova in tutto il mondo e vive ovunque ci sia presenza umana, ed è «la specie che da' una cattiva fama a tutte le altre specie di scarafaggi», secondo il Dipertimento di Entomologia e Nematologia dell'Università della Florida. Secondo gli autori della ricerca, le blatte portano con sé batteri che possono causare malattie, le loro feci e altre parti del corpo posso causare asma, e la sola vista di questi insetti può provocare stress psicologico in alcune persone.

Secondo Scharf, la disinfestazione della case infestate da questi insetti richiederà strategie più complesse del semplice trattamento con agenti chimici. Una combinazione di differenti approcci (come migliori servizi igienici, trappole e persino aspirapolvere per aspirarli) sarà probabilmente di maggior effetto che affidarsi solamente ai pesticidi: «Alcuni di questi metodi sono più costosi del solo uso di insetticidi, ma se questi insetticidi non riescono a contenere o debellare la popolazione, allora state gettando via i vostri soldi.» conclude Scharf.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci