Mediagold.it

Notizie, turismo, attualità e curiosità della Liguria e non solo

Annunci

Genova,spettacolare immagine del sole

Tempo di lettura: 2 minuti

Immagine del Sole ripresa oggi dal telescopio dell’Osservatorio da Marina Costa tramite camera ASI 120 MM120 ZWOptical

In evidenza una protuberanza solare ripresa il 4 aprile dal’Osservatorio del Righi,sul bordo e la regione attiva AR2645 che potrebbe produrre una tempesta magnetica nelle prossime ore. Le previsioni del NOOA (National Oceanic and Atmospheric Administration) degli Stati Uniti valutano nel 70% la probabilità che essa dia origine a un brillamento solare di classe M e nel 25% che possa produrne uno, più intenso, di classe X.

LE CLASSIFICAZIONI
I brillamenti solari sono classificati in cinque classi di potenza a seconda della loro luminosità nei raggi X, misurata a Terra in Watt/m2 e nella banda tra 0,1 e 0,8 nm. In ordine crescente di potenza sono A, B, C, M e X. Ogni classe è dieci volte più potente di quella precedente, con la più potente X pari a un flusso di 10−4 W/m2, ed è ulteriormente suddivisa linearmente in 9 classi, numerate da 1 a 9.
Per esempio un brillamento M5 è la metà di un brillamento M10, cioè X1, a sua volta la metà di un brillamento X2. Un brillamento X2 è pertanto 4 volte più potente di un M5 e 10 volte più potente di un evento M2. Oltre la classe X9, la più alta, la numerazione prosegue linearmente. Brillamenti di tale entità sono rari, come quelli del 16 agosto 1999 e del 2 aprile 2001, di potenza X20, cioè due volte più potenti di un X10, il fondoscala della classe X. Il record del più potente flare mai registrato è detenuto dall’evento del 4 novembre 2003, inizialmente stimato in X28 e successivamente corretto in X45.[1].
L’attività solare di routine si trova compresa tra le classi A e C, mentre la classe M è raggiunta solo in prossimità e durante il massimo del ciclo undecennale del Sole. I brillamenti X si concentrano quasi esclusivamente nei periodi di picco dell’attività e sono quindi relativamente rari, poche decine per ogni ciclo solare. Brillamenti come quello del 4 novembre 2003 sono ancora più rari, e avvengono solo poche volte per secolo, come l’evento di Carrington. La regione di macchie solari 486 che produsse il brillamento del 2003 era la più turbolenta mai osservata.

image_pdfScarica il PDFimage_printStampa
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: