Auto: libretto di circolazione e certificato di proprietà verranno sostituiti dal documento unico

La novità, prevista nella riforma della Pubblica Amministrazione, comporterà per gli automobilisti un risparmio di 39 euro.

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Niente più libretto di circolazione e certificato di proprietà dell'auto. Questa la novità che dovrebbe essere inserita nella riforma della Pubblica Amministrazione e che vede l'integrazione tra le competenze del Pubblico Registro Automobilistico (PRA) gestito dall'Aci e della Motorizzazione, che dovrebbero confluire in un'agenzia unica presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. In sostanza per ogni pratica di immatricolazione o passaggio di proprietà si pagheranno 61 euro contro gli attuali 100.

L'integrazione tra le competenze dei due Enti, oltre che ridurre i costi correlati alla gestione dei dati, metterebbe fine anche ad una anomalia tutta italiana. Infatti, se la carta di circolazione emessa dalla Motorizzazione è l'unico documento valido per la circolazione dei veicoli in tutti i Paesi, per l'ordinamento italiano c'è anche la necessità di iscrivere il veicolo al PRA gestito dall'Aci. Solo attraverso questa iscrizione, infatti, l'intestatario del veicolo diventa proprietario.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci