Inaugurata la Fionda di Ottaviani nella rotonda di Leca d'Albenga

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Abenga 01 Aprile 2017
Inaugurata la monumentale “Fionda di Legno” in vetroresina e acciaio alla presenza delle Autorità locali dei Fieui di Caruggi, la console dell'Ecuador Narcisa Soria Valencia e del maestro Giuliano Ottaviani che ha voluto “omaggiare” alla Città di Albenga, come anche il bozzetto e la cartolina commemorativa emessa da Poste Italiane.
La grande opera è stata posizionata all’inizio dell’abitato di Leca, e al momento della inaugurazione un volo di palloncini rossi e gialli (i colori di Albenga e dei Fieui) con un messaggio di speranza innalzatosi nel cielo nella speranza che, chi riceverà le cartoline possa rispedirle ai Fieui di Caruggi dicendo fin dove è arrivato il loro pensiero ed Albenga.

Giuliano Ottaviani è nato a Foligno (Perugia). Già in giovane età si notava la sua predisposizione per le arti applicate con prorompente creatività ed un notevole virtuosismo tecnico; per queste ragioni frequentò la Scuola D'Arte a Perugia e, sotto l'occhio critico del M° Domenico Purificato, conseguì il diploma all'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano.

Dopo aver esordito con una prima personale a Milano, a solo 17 anni, spostò la sua attenzione verso la Svizzera e, a Zurigo, il grande gallerista Her Bolag volle acquistare alcune sue opere per la sua collezione privata. Fino al 1976 Ottaviani si divide tra l'Italia e la Svizzera e, nazioni che vedono crescere, con più mostre personali, la sua voglia di
realizzarsi a pieno nel campo artistico e a nulla valsero le richieste di proseguire l'attività di insegnamento della pittura e della scultura, da lui esercitato per breve tempo, dedicando la sua vita ad un impegno costante e totale alla ricerca di idee e forme nuove.

L'operato del Maestro Ottaviani non si limita solamente alla pittura ed alla scultura, ma si estende alla gioielleriam al design di arredamenti interni, all'arredo urbano con la realizzazione di sculture monumentali dai 2 ai 26 metri d'altezza le quali, esternamente di pregiata fattura artisticam e internamente di grande utilizzo sociale.

Le opere dell'artista sono state viste in quasi tutte le città italiane: dal prestigioso Teatro Rendano a Cosenza, alla sala per esposizioni di Taormina, da Palazzo Barberini a Roma, alla Galleria La Loggia a Udine, dalla Galleria Percorsi d'arte a Venezia alla Galleria Le Muse a Bari, e molte altre di notevole importanza quale il casinò di Sanremo e
per ben altri 8 anni in molte cittadine della Costa Smeralda in Sardegna.
L'Europa è ora diventata un campo limitato per le prospettive del M° Ottaviani e la sua attività approda in America. Lo invita ufficialmente la New York University e lo ospita con una grande mostra personale. Seguono Los Angeles,Laguna Beach e molte altre ancora.
Il più grande e prestigioso centro nucleare del mondo, il Fermilab di Chicago lo invita ad eseguire in pubblico una grandiosa telo di 2 mt. x 20 in una performance dal titolo:
'Simbiosi in Concerto', una sua nuova idea: abbinarela musica alla pittura. Due valenti artisti, un
pianista e una violinista accompagnano il Maestro Ottaviani eseguendo un concerto di musica classica.
Il Principato di Monaco lo ospita ripetutamente per eseguire le sue performance a Montecarlo e la tourneè
continua anche in Italia.

La Liguria è la regione italiana che invita più volte Giuliano Ottaviani nelle sue ridenti cittadine di Spotorno, Savona, Celle Ligure, Loano, Varazze ed altre ancora. Per il suo valido contributo nel campo artistico nel 1991 il Presidente della Repubblica Francesco Cossiga lo insigne dell'Onoreficenza al merito di Cavaliere della Repubblica Italiana. Il suo vasto operato sconfina anche nella numismatica e nella filatelia: esegue su commissione medaglie per Banche e Istituti Religiosi, e per il Centenario della nascita del Poeta Eugenio Montale realizza l'annullo postale per il
Poligrafico dello Stato Italiano. Dal 1997 il M° Ottaviani dedica il proprio tempo e la sua notevole creatività al campo sociale: in Brasile, a S. Paolo, gli viene offerta l'occasione di insegnare la scultura ai ragazzi di strada, detti pichadores, giovani che per la sola sfortuna di essere nati poveri diventano dei disadattati commettendo dei reati punibili dalla legge locale. Il recupero di questi ragazzi ha fatto si che le varie amministrazioni comunali hanno voluto valorizzare l'operato di Ottaviani offfrendo l'opportunità di fondare la I° Accademia Ottaviani in Brasile.

La stessa operazione sarà seguita nel prossimo futuro in altre città del Brasile e con molta probabilità anche in Italia.
Il1998 ha segnato una svolta molto importante per l'attività di Giuliano Ottaviani vincitore di un concorso internazionale per scultori, ha avuto l'occasione di creare una scultura marmorea di mt. 5 di altezza in Cina, e precisamente a Changchun, l'onore è quello di essere il I° italiano ad avere una scultura esposta in permanenza in una piazza cinese. Poi espone nel World Art Museum China Millennium Monument in occasione dell'anno dell'Italia in Cina 2006 dove rimarranno in permanenza 13 grandi opere monumentali nella collezione del Museo. Il tour cinese continua a Shangai dove la città acquisisce numerose opere per la collezione pubblica. Dopo Shangai si sposta di nuovo in Brasile per la mostra del Museo della città di Salvador.
Il suo curriculum vitae si trova depositato negli archivi a : Firenze, Kunstoriches Institut in Florence, a Parigi, Beaubourg, centro Pompidour.
E' iscritto alla Galleria Nazionale d'arte moderna e contemporanea - Roma.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci