Ad Albenga si chiede più "tranquillità"

Al gruppo social "Cittadini Stanchi e C.I.S.A." si unisce anche il "Movimento 5 Stelle" per la raccolta firma di un esposto.

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Cresce il fronte che invoca maggior sicurezza per la città di Albenga, dove, da alcuni giorni ha preso il via la sottoscrizione di un esposto a tutte le autorità per segnalare i tanti problemi di “ordinario malessere”.

A dare sostegno alla raccolta di firme anche il Movimento 5 stelle ingauno, sceso a fianco di “Cittadini stanchi” e C.i.s.a., riunitisi lo scorso 12 ottobre, per la costituzione di un unico baluardo a difesa della pubblica “tranquilità”.

L'esposto, che a breve sarà presentato alla Procura, ai Crabinieri e al Comune di Albenga, denuncia la scarsa vivibilità di alcune zone della città, in forte stato di degrado e abbandono, spesso luogo di spaccio, bivacco e violenti liti che sfociano in risse a scapito della pubblica incolumità.
Nel documento, oltre al dettaglio dei quartiri e delle vie più critiche, i firmatari chiedono maggiore illuminazione, interventi delle forze dell'ordine el'installazione di sistemi di controllo. Inoltre si chiede di vietare la vendita di bevande in bottiglie di vetro, a partire dal pomeriggio, oltre che a limitare l'uso e soprattutto l'abuso di alcolici in alcune zone.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci