ALBENGA E IL 25 APRILE

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Una cerimonia articolata e solenne, come ogni 25 Aprile. La città di Albenga ha ancora una volta risposto presente, sia con le autorità civili, politiche e militari, sia con la gente comune, quella che ogni anno si sente di dire un grazie verso quelle persone che hanno liberato il nostro Paese.

Tra i momenti più commoventi della lunga mattinata, dove la banda cittadina ha più volte intonato "Fischia il Vento" e "Bella Ciao" l'orazione della giornalista Donatella Alfonso, della redazione genovese di Repubblica che ha ricordato come sia "sempre Resistenza, soprattutto in un momento nel quale forze populiste cercano di riportare a galla un tragico passato". Il sindaco Cangiano ha invece voluto soffermarsi su come Albenga da sempre sente suo il 25 aprile e cerca di trasmetterne i valori alle nuove generazioni. Poi il corteo che da Piazza del Popolo si è diretto al Fortino dove sono stati ricordati i nomi dei 59 civili trucidati dalla furia nazifascista per concludersi presso la sede della Fondazione 25 Aprile dell'Alfa Romeo.

(fonte: Gugliemo Olivero)

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci