In emergenza Covid-19 la crisi più pesante è per le donne con il 56% dei posti di lavoro persi

Nel focus della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro risulta che sono 470 mila le occupate in meno tra secondo trimestre 2019 e 2020. Più penalizzate le autonome e chi ha il contratto a termine

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Il bilancio, ancora del tutto parziale, degli effetti prodotti dal Covid-19 sul mercato del lavoro vede, tra il secondo trimestre 2019 e lo stesso periodo del 2020, 470 mila occupate in meno, per un calo nell’anno del 4,7% (vs un decremento dell’occupazione maschile del 2,7%, -371 mila occupati). Su 100 posti di lavoro persi (in tutto 841 mila), quelli femminili rappresentano il 55,9%.

È quanto emerge dal focus “Ripartire dalla risorsa donna” (in allegato all'articolo) della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, che sottolinea come le donne durante il lockdown primaverile siano state più impegnate degli uomini nell’attività lavorativa (il 74% ha continuato a lavorare rispetto al 66% degli uomini), dovendo garantire servizi essenziali in settori a forte vocazione femminile: scuola, sanità, pubblica amministrazione. Inoltre, con la chiusura delle scuole, hanno dovuto al tempo stesso assistere i figli impegnati nella didattica a distanza: un livello di stress elevatissimo per quasi 3 milioni di lavoratrici con un figlio a carico con meno di 15 anni (30% delle occupate). I

l rischio è dunque quello che per questo tipo di impegni sempre più donne abbandonino del tutto il lavoro, già tra giugno 2019 e lo stesso mese del 2020 c’è stato un incremento di 707 mila inattive (+8,5%), soprattutto nelle fasce giovanili.

«Le donne - ha dichiarato il Presidente della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, Rosario De Luca - solo nelle professioni intellettuali rappresentano il 54% degli occupati, per questo dobbiamo mirare a servizi che favoriscono la conciliazione vita-lavoro, arginando il rischio che molte di loro possono chiamarsi fuori dal circuito lavorativo».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci