Anche una famiglia savonese nel terremoto di Ischia

Erika Andreotti era sull'isola con marito e la figlia di due anni.

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Man mano che passano le ore si traccia il bilancio definitivo del terremoto che ieri sera, poco dopo le 21, ha colpito Ischia e le zone limitrofe. Un terremoto del quarto grado, che ha causato due morti, una ventina di dispersi e tante abitazioni distrutte.

Ischia, ad agosto, vede aumentare la sua popolazione in quanto meta turistica di tanti vacanzieri che la scelgono per la sua bellezza. E tra questi anche una savonese, Erika Andreotti, che si trovava in vacanza insieme al marito, Fabrizio Marino, proprio originario dell’isola.

«Abbiamo sentito un gran rumore – afferma – e subito non abbiamo pensato ad un terremoto. Ho preso mia figlia di due anni in braccio e siamo scesi in strada dove abbiamo constatato anche che era in corso un black out. C’era tanta gente in strada, chi gridava, chi scappava, abbiamo capito che il terremoto aveva creato tanti danni. Una volta riparato il guasto elettronico siamo riusciti a contattare gli amici e rassicurarli. Torneremo a casa il prima possibile».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci